6 dicembre 2016

Regione Lazio – Santori, FDI: “Nel Lazio a rischio la prevenzione e lotta alla sclerodermia”

“La sclerodermia è una rara malattia cronica che prevedeva all’interno della Asl Roma 2 un suo personale percorso costruito intorno al paziente e che puntava alla diagnosi precoce. A questo percorso si era arrivati nel novembre del 2015 quando era stata opportunamente attivata la UOSD Microangiopatie ischemiche e ulcere sclerodermiche per ampliare l’offerta assistenziale. Oggi si fa un passo indietro e si demolisce un’eccellenza costruita con il supporto delle associazioni dei malati. Suscita, infatti, profonda preoccupazione il fatto che nella proposta di riorganizzazione aziendale della  Asl Roma 2 non si faccia alcun riferimento a questa importante struttura che per anni è stata al fianco delle famiglie e dei pazienti sclerodermici.  A rischio è la prevenzione e la lotta alla sclerodermia e tutte le associazioni di tutela dei pazienti hanno già scritto una durissima nota agli organi competenti senza avere le dovute rassicurazioni”.   E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere di Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale in Regione Lazio.

“Nell’atto aziendale,  prosegue Santori –  non viene menzionato e pertanto risulta di fatto non riconosciuto il CRIIS, il percorso interdisciplinare che deve essere fatto intorno al paziente , con diagnosi precoce necessaria a stabilire se è candidato ad effettuare una terapia vascolare puntando, pertanto,  ad un intervento di prevenzione delle ulcere. Decidere di assimilare questo percorso nell’ambito del Servizio Diagnosi e cura Avanzata delle Ulcere Trofiche, vuol dire sottovalutare le esigenze dei malati di sclerodermia. Non si possono mettere insieme  le cure delle ulcere con le ulcere trofiche, il piede diabetico nell’angiologia quando si tratta di altra cosa,  all’interno dell’area medica devono avere la loro locazione. Le razionalizzazioni  vanno fatte  tenendo conto dei bisogni delle persone fragili, senza dimenticare che chi soffre  ha bisogno di cure indispensabili.  E poi, solo con una diagnosi precoce si possono aiutare i malati, la diagnosi tempestiva fa inoltre risparmiare. Siamo stanchi ogni giorno di raccontare casi di tagli voluti dalla giunta Zingaretti sulla pelle dei nostri concittadini deboli. Pertanto, ho già chiesto – conclude Santori – che la Asl Roma 2 tenga conto delle richieste dei malati e delle associazioni dei malati e decida di inserire nuovamente nell’atto aziendale la UOSD  Microangiopatie ischemiche ed ulcere sclerodermite, riconoscendo pertanto il CRIIS”.

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it