7 dicembre 2016

La USB contro le trivellazioni perpetue invita a votare SI al Referendum

 

Il 17 Aprile si voterà per un referendum che tratta un solo argomento: le concessioni illimitate ad estrarre fonti fossili entro 12 miglia dalle coste. Con un emendamento del Governo approvato nella Legge di Stabilità 2016 si è modificata infatti la precedente normativa che stabiliva un termine alle concessioni, in modo da permettere lo sfruttamento dei giacimenti fino al loro esaurimento.
Il Governo, il cui legame con le lobbies del petrolio è ampiamente dimostrato dagli ultimi avvenimenti che hanno portato alle dimissioni della Guidi,  Ministra dello Sviluppo Economico di provenienza confindustriale, ha impedito che la consultazione si tenesse insieme alle elezioni prossime amministrative del 5 giugno –  decisione che costerà alle casse statali oltre 360 milioni di euro – invitando inoltre a disertare le urne: proprio un bell’esempio di democrazia!
E d’altronde cosa aspettarsi da un esecutivo che sta cercando in ogni modo di annullare la volontà popolare espressa nel referendum del 2011 contro la privatizzazione dell’acqua?
Ora, dopo aver silenziato per mesi le ragioni del referendum, anche grazie al silenzio compiacente di stampa e televisioni, si indica l’eventuale vittoria del sì come una grande sventura, causa di migliaia di licenziamenti: in realtà se il referendum passasse le piattaforme continueranno ad operare, solo non più con concessioni illimitate ma rispettando le scadenze a suo tempo previste.
In caso contrario, le norme contenute nello ‘Sblocca Italia’ continueranno a garantire le trivellazioni fino all’esaurimento dei giacimenti, con pesanti ricadute sull’ambiente e sulla stessa economia legata alla pesca ed al turismo, vera ricchezza del nostro paese e di tutte le località rivierasche.
Mentre altri paesi come la Francia decidono una moratoria immediata sui permessi di ricerca di idrocarburi nel Mediterraneo, le politiche energetiche di questo Governo continuano a non investire sulle rinnovabili. Basti in proposito ricordare i 4.000 posti di lavoro persi lo scorso anno nel solo settore eolico!  Le promesse di Renzi sullo sviluppo delle fonti rinnovabili si dimostrano per quello che sono: specchietti per le allodole destinati a sparire davanti alle pressioni dei petrolieri!
La difesa dell’ambiente, dei nostri mari, la salute pubblica, sono beni comuni che vanno tutelati e presidiati, quale patrimonio indisponibile alle speculazioni affaristiche e ai capitali finanziari.
L’Unione Sindacale di Base invita tutti i propri iscritti a votare SI domenica 17 Aprile e a sostenere con ogni mezzo le ragioni del referendum e la partecipazione al voto.

Unione Sindacale di Base

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.