23 febbraio 2017

Rieti – Dichiarazioni Ass. Massimi su Stati Generali della Cultura

“Dopo aver letto sugli organi di stampa le parole del Cast credo sia doveroso rettificare alcune dichiarazioni che non corrispondono al vero. Gli Stati Generali della Cultura, che si sono svolti a novembre, e che hanno visto la partecipazione di numerose persone, si sono basati sul confronto in alcuni tavoli tematici: spettacolo dal vivo, cultura del sapere, arti visive e multimediali, il territorio e la sua storia. Nessuno dei coordinatori dei tavoli appartiene ad Atcl, rimaniamo basiti da questa dichiarazione che crediamo alquanto strumentale e lesiva nei confronti e di Atcl e di coloro che si sono impegnati in questo percorso per la città.
L’Amministratore Delegato di Atcl Luca Fornari è stato presente agli Stati generali della cultura così come il Direttore Regionale della Cultura Miriam Cipriani e l’Europarlamentare Silvia Costa; la loro presenza stava ad indicare il particolare interesse suscitato dall’iniziativa. Si precisa che Atcl è un circuito multidisciplinare dello spettacolo dal vivo, costituita esclusivamente da enti pubblici, circa 60 comuni della Regione Lazio; il Comune di Rieti è uno dei soci fondatori dal 1981.
Il 4 aprile la scrivente ha voluto un incontro con le compagnie teatrali vernacolari a dimostrazione del riconoscimento delle stesse come realtà culturali importanti della città, riconoscimento già concretizzatosi, a decorrere dal luglio 2015, con l’abbassamento delle tariffe del teatro che, per la prima volta, non solo hanno consentito alle compagnie vernacolari di essere facilitate ma soprattutto di non essere le sole a pagare l’affitto dello stesso. Gli interventi dell’incontro del 4 aprile hanno registrato una pluralità di posizioni: da chi si è dichiarato decisamente contrario a chi si è dichiarato attendista a chi, come il Presidente del Cast, disposto a partecipare al progetto che non riguarda solo ed esclusivamente la concessione del teatro.
Il Flavio Vespasiano rimane dei reatini, aperto alle compagnie vernacolari come precisato nell’atto di indirizzo, compagnie che, tuttavia, non rappresentano la molteplicità dei linguaggi e delle forme teatrali. Non si è alla ricerca né di plauso né di incondizionato assenso ma di partecipazione anche critica ma non conservatrice. Il percorso avviato intende coinvolgere tutti con l’obiettivo di fare rete, un lavoro complessivo di un sistema culturale della città che abbiamo già cominciato a rilanciare (lo dimostra il record di abbonamenti venduti in questa stagione) e che può diventare per il nostro territorio un volano di sviluppo. Mi auguro che con il tempo possa essere compreso da tutti coloro che hanno particolarmente a cuore la crescita della nostra città.”
È quanto dichiara l’assessore alla Cultura Anna Maria Massimi.

About Emanuele Bompadre 9024 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.