4 dicembre 2016

Tutto quello che c’è da sapere sui 25 anni del WorldSBK ad Assen

In calendario da 25 anni, Assen sta per diventare il secondo circuito ad aver ospitato almeno 50 gare: l’altro è Phillip Island con 51 gare corse sul circuito australiano. Qui sfogliamo il libro di storia e diamo un’occhiata agli highlights e alle statistiche più interessanti prima del 25° week end.
Solo il mare separa l’Olanda dalla Gran Bretagna e non sorprende molto che i piloti britannici abbiano vinto esattamente la metà della gare disputate ad Assen: 24 su 48. Un quarto di queste vittorie appartengono ad  un solo uomo, Carl Fogarty, che ha ottentuo il record assoluto di vittorie per un pilota su uno stesso circuito, nella storia della WorldSBK.
Jonathan Rea ha la possibilità di diventare il secondo pilota della storia, avendo già vinto più di sette gare su ogni circuito. Dopo i dodici successi di Fogarty sul tracciato olandese, il miglior risultato è di sette vittorie (Rea ad Assen e Troy Corser a Phillip Island, suo circuito di casa). Nessun altro tra i piloti in attività ha vinto più di sei gare su un dato circuito e Tom Sykes è l’unico ad aver ottenuto sei vittorie a Donnington Park.
Nel WorldSBK ad  Assen hanno vinto non meno di 19 piloti diversi. Tre di loro sono stati i recenti Campioni del Mondo Rea, Sykes e Guintoli. Curiosamente il due volte Campione del Mondo Troy Corser non è nei 19, nonostante abbia corso 30 volte ad Assen e sia andato a podio 7 volte. Dieci anni fa Chris Walker ottenne ad Assen la sua unica vittoria in carriera e fu anche il primo successo della Kawasaki su questa pista. Walker e Guintoli (2012) sono gli unici due che hanno vinto all’esordio su questo leggendario circuito.
Alcune date storiche:
Assen è diventato parte del WorldSBK il 13 settembre del 1992, a fine stagione. Le prime due gare si disputarono sul circuito corto e non sul leggendario TT. Doug Polen si aggiudicò la pole con solo 0,04 sec di margine su Raymond Roche e vinse Gara1.
L’anno successivo, la gara si corse sul tracciato più lungo e Fogarty iniziò il suo show vincendo con considerevole distacco entrambe le gare. Nel 1994 la performance di Fogarty migliorò ancora: ottenne la pole con quasi un secondo di vantaggio sugli inseguitori (0,95), vinse puntualmente entrambe le gare e in ogni gara fece il giro più veloce. Il suo dominio continuò fino al 1996 con la quarta doppietta di fila, però nel 1997 fu più difficile contro John Kocinski (Honda). Assen è stato teatro di un duello tra i due, con Kocinski vincitore in Gara1 e Fogarty in Gara2. In questa seconda gara Fogarty non faticò molto a superare l’altro pilota Ducati Frankie Chili, che dichiarò di aver aiutato il ducatista Fogarty a vincere il campionato.
Le cose cambiarono dodici mesi dopo (1998) con un testa a testa tra Fogarty e Chili in entrambe le gare. Chili vinse in Gara1, mentre in Gara2 all’ultimo giro, all’ingresso della chicane, Fogarty entrò deciso su Chili e lo fece cadere. Chili rientrò ai box furioso e la lite continuò anche in conferenza stampa.
Nel 2006 protagonista fu la pioggia: Corser, Kagayama, Bayliss e Haga caddero mentre erano nelle prime posizioni, lasciando a Chris Walker l’occasione della vita di vincere la sua unica gara del WorldSBK. In Gara2, con pista asciutta un contatto alla prima curva tra Corser e Haga spianò lo strada a Troy Bayliss che vinse con buon margine su Andrew Pitt.
Nel 2007 una scelta sbagliata di gomme impedì a Bayliss di lottare per la vittoria ed essendo l’unico in grado di impensierire Toseland, quest’ultimo vinse con facilità. Comunque i primi giri della gara sono da ricordare, con sei piloti a lottare per la prima posizione. Gara2 fu il massimo del WorldSBK: nel primo giro Haga, Bayliss e Toseland lottarono per andare in testa, poi Haga fu vittima di un problema meccanico e Bayliss lo superò, Toseland lo raggiunse solo negli ultimi giri. Gli ultimi due giri furono incredibili: Toseland e Bayliss si sorpassarono quattro volte in ogni giro con Bayliss capace di batterlo solo nell’ultima chicane, prendendo la traiettoria migliore e vincendo per soli nove millesimi di secondo.
Nel 2010 Jonathan Rea incominciò a collezionare pole positions ad Assen, vincendo poi le due gare, di casa per il team Ten Kate. Gara2 rappresenta un classico del WorldSBK: sette piloti lottarono per la vittoria, sorpassandosi ad ogni curva al punto che era impossibile tener conto dei cambiamenti di posizione. Solo al sedicesimo giro Rea fu in grado di staccare Haslam alla prima curva lasciandosi tutti dietro.
Nel 2012 Gara1 è stata la più caotica mai vista: in partenza il cielo si oscurò e si alzò un forte vento. Sykes fu bravo a prendere la testa davanti a Rea, Checa e la coppia di BMW di Melandri ed Haslam.
La situazione cambiò drammaticamente nel corso del dodicesimo giro, quando una perdita d’acqua dalla moto di Sykes causò parecchia confusione.  Sykes se ne accorse e rallentò ed Haslam alzò un braccio chiedendogli di fermarsi. Poi iniziò a piovere e fu data bandiera rossa. I piloti si schierarono per la seconda partenza, per affrontare una gara di nove giri: Melandri in pole, al suo fianco Guintoli, mentre la terza posizione era vuota dato che Smrz partiva dalla corsia dei box. Dopo pochi giri Rea cadde lasciando la testa della corsa ad Haslam, che in solo due giri guadagnò otto secondi prima di cadere anche lui.
Checa prese poi la testa della corsa seguito da Badovini e più indietro da Biaggi, che presto vene superato da Guintoli, partito dall’ottava casella. Guintoli fu bravo ad ottenere la sua prima vittoria, davanti a Giugliano al suo primo podio. In questa gara caotica Cecha completò il podio giungendo terzo con la Ducati. Le condizioni della pista cambiarono in Gara2: non spuntò il sole, e la pista era ancora umida in certi punti, così fu considerata “bagnata”. La scelta delle gomme fu determinante e la gara vide Rea vincitore davanti a Guintoli che aveva vinto Gara1.
Nel 2015 il debuttante Michael Van Der Mark ottenne i suoi primi podi sul circuito di casa, da campione del WorldSSP in carica, e Rea realizzò una doppietta allungando il suo vantaggio nella corsa al titolo.
2016? Quello che succederà sarà ancora da decidere, con le moto in pista sul leggendario TT di Assen da venerdì 15 aprile, poi sabato si disputerà Gara1 e domenica Gara2.
Fonte: worldsbk.com
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.