4 dicembre 2016

Gioco Volley… in sicurezza, nasce la campagna per ridurre gli incidenti ferroviari

 

Il progetto “Gioca Volley in Sicurezza” nasce dal protocollo d’intesa stipulato tra la Federazione Italiana Pallavolo, l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e la Polizia Ferroviaria. Obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare il mondo pallavolistico giovanile ad un uso proprio, corretto e consapevole del trasporto ferroviario per poter ridurre gli incidenti ferroviari che coinvolgono proprio i più giovani.

FIPAV, ANSF e POLFER, dunque, con questo progetto cercheranno di declinare e sensibilizzare alcuni valori di forte impatto sociale quali la cultura della sicurezza ferroviaria, la legalità e il rispetto delle regole attraverso lo sport e il gioco di squadra nel senso più ampio di socialità.

Proprio coniugando tutti questi aspetti, la FIPAV ha pensato di sviluppare “Gioca Volley…in Sicurezza” in continuità con S3, l’altro progetto federale che vede nei giovani e la cultura del fair play dei cardini imprescindibili sui quali sviluppare una nuova idea di sport.

Per presentare un progetto di tale valenza sociale è stato scelto il Salone d’Onore del CONI alla presenza del Presidente della massima istituzione dello sport italiano, Giovanni Malagò; quello della FIPAV Carlo Magri, il direttore dell’ANSF Amedeo Gargiulo e quello della Polizia Ferroviaria Armando Nanei.

“Da presidente della Federazione non posso che essere soddisfatto ha dichiarato Carlo Magri -. Quando il nostro nome viene affiancato a istituzioni di tale importanza il risultato è sempre qualcosa di speciale e in questo caso lo sarà ancor di più perché i protagonisti sono i giovani. Lo sport è cultura e in quanto tale è importante che ragazzi e ragazze, sin dalla giovanissima età, imparino a rispettare le regole, se stessi e gli avversari.

Proprio per questo abbiamo il dovere morale di promuovere campagne come questa che fanno del rispetto della legalità un caposaldo. Sono davvero soddisfatto di questa partnership; siamo una realtà capillare sul territorio, esattamente come le forze dell’ordine; insieme svilupperemo progetti importanti con l’obiettivo di far capire ai più giovani che una società civile non può prescindere dalla legalità e dalla cultura della prevenzione. Una società civile ha a cuore la sicurezza dei propri cittadini e noi che ne facciamo parte non dobbiamo mai dimenticare di dover continuamente far in modo che i più giovani siano informati sui loro diritti e doveri di cittadini del futuro”. 

Amedeo Gargiulo Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie: “Accogliamo con molto piacere questa nuova collaborazione con la Federazione Italiana Pallavolo, al fianco dello storico partner che per noi è la Polizia Ferroviaria, che va ad aggiungersi alle positive esperienze già in campo con le federazioni della Pallacanestro e del Rugby.

Purtroppo le statistiche evidenziano che sempre più spesso sui binari perdono la vita persone estranee allo scenario ferroviario. Anche nel 2015, l’84% degli incidenti è stato provocato da comportamenti scorretti degli utenti. E’ per questo che l’ANSF è da anni impegnata in diverse campagne di prevenzione a tutto campo per divulgare la cultura del rispetto delle regole in ambito ferroviario, principalmente rivolte ai giovani e alle loro famiglie”.

Armando Nanei, Direttore del Servizio Polizia Ferroviaria:Da tempo la Polizia Ferroviaria è impegnata in campagne di educazione alla legalità ed all’uso consapevole del mezzo ferroviario rivolte in particolare ai giovani. Sono già 100.000 i ragazzi incontrati dai nostri operatori nelle scuole e direttamente in campo, con iniziative di carattere ludico-sportivo. Lo sport ed in particolare sport come la pallavolo ci aiutano molto ad avvicinare i ragazzi in un contesto in cui la lealtà, il rispetto delle regole e dell’avversario costituiscono valori condivisi ed universali. Una nuova preziosa occasione per la Polizia di Stato, in campo insieme ad ANSF e FIPAV, per diffondere tra i giovani la cultura della legalità e della sicurezza in ambito ferroviario”.