10 dicembre 2016

Impresentabili, Fava: “Forza Italia dovrà spiegare perché ha candidato Bertolaso nonostante sia al di sotto della soglia”

 

Claudio Fava, vice presidente della Commissione parlamentare Antimafia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sono una decina i comuni che la Commissione Antimafia ha intenzione di mettere sotto osservazione, tra questi anche Roma. “Nel codice di autoregolamentazione approvato dai partiti all’unanimità –ha spiegato Fava-, ci sono articoli nei quali si afferma che la Commissione è impegnata a verificare che i candidati rispondano alle condizioni proposte da questo codice. Quindi noi facciamo quello che il Parlamento ci chiede di fare. L’idea che si faccia una valutazione sulle liste a favore di qualcuno e contro qualcun altro è una caricatura di quello che stiamo facendo. La legge Severino prevede che i condannati, anche in primo grado, per una serie di reati, non possono essere candidati. Noi abbiamo proposto un codice di autoregolamentazione che alza l’asticella, rispondendo ad una richiesta di maggiore sensibilità etica da parte delle forze politiche. Questo codice prevede che sia sufficiente il rinvio a giudizio per alcuni reati, perché i partiti si impegnino a non candidare quelle persone. Naturalmente non possiamo escludere nessuno dalle liste, ma è compito nostro segnalare coloro che sono al di sotto di questa soglia. Compito dei partiti è non candidarli”.

Da Forza Italia dicono ‘Chissà quale effetto produrrà questo lavoro’… “Forza Italia –ha affermato Fava- non ha ben capito come funziona il nostro lavoro. E’ Forza Italia che si deve porre il problema di candidare chi è al di sotto di quelle condizioni ostative, non noi. Quando faremo una verifica sulle liste già presentate non potremo non prendere atto che alcuni candidati sono al di sotto di quella soglia. E’ responsabilità dei partiti spiegare perché hanno deciso di candidarli lo stesso. L’esempio più eclatante, poi probabilmente ne salteranno fuori anche altri, è quello di Bertolaso. Lui non è stato rinviato a giudizio soltanto per omicidio colposo, ma anche per corruzione, cioè una delle figure di reato che nel codice è prevista come ostativa. Bertolaso non dovrebbe essere candidato alla luce di questi fatti. Se Forza Italia lo candida se ne assume la responsabilità davanti all’opinione pubblica. Il lavoro di selezione devono farlo i partiti. Non siamo noi a rivelare che un candidato di trova in condizioni ostative, si sa già”.

Il caso De Luca. “Il livello più alto di responsabilità è in capo agli elettori –ha spiegato Fava-. Il caso di De Luca è un caso non particolarmente drammatico, nel senso che si tratta di reati gravi ma non di mafia. Ricordo che qualche anno ci furono elezioni in cui candidati dichiarati ineleggibili e cacciati via dai consigli regionali, che si ricandidavano sapendo che non potevano essere eletti, ma solo per una dimostrazione di forza. Il problema non è il signore che si candida pur avendo precedenti penali che impediscono la sua candidatura, ma sono i 5000 cittadini che lo hanno votato e che ritengono che nella selezione del ceto politico debba prevalere un ragionamento sulla forza più che sulla qualità, sulla furbizia più che sulla trasparenza, sul senso di appartenenza e di amicizia più che sull’autonomia politica”.

In merito all’inchiesta di Potenza legata all’imprenditore Gianluca Gemelli e al riferimento all’interrogazione parlamentare presentata dallo stesso Fava. “Gemelli mi fa pensare ad Alberto Sordi –ha affermato Fava- nel senso che si risponde con una pernacchia a chi ha ragionamenti così raffinati e poi va a raccattare emendamenti attraverso la fidanzata ministro per far marciare i suoi affari, che sta lì nel quartierino a brigare su nomine e appalti e come il vedovo di Sordi ha bisogno che la fidanzata più autorevole gli spiani la strada. E’ una commedia all’italiana, solo che non è commedia, ma rischia di diventare farsa o tragedia. La cosa che mi ha dato maggiormente fastidio è che questi raccattino 4 luoghi comuni in giro e li facciano diventare ragione di una loro invettiva telefonica. La mia interrogazione è stata un atto ispettivo in cui chiedevo al ministro di chiarirmi alcune opacità nei passaggi sul più importante porto industriale d’Italia. Questa interrogazione non ha avuto risposta per un anno, fino a ieri. Dopo un’ora la mia interrogazione era già sulla scrivania dei signori del quartierino, che decidevano cosa fare, come parare il colpo. Per un anno dal governo non è arrivata una parola, ma dopo un giorno chi doveva sapere ha saputo e si stava attrezzando. Questo è imbarazzante, fa capire quanto poco rispetto ci sia per il Parlamento e quanto invece ce ne sia nei confronti dei lobbisti. Su questa vicenda si sono mossi tutti, da Confindustria a questo faccendiere Gemelli, mentre dal Parlamento una risposta è arrivata solo un anno dopo, quando se n’è occupata la stampa”.

Fonte: Radio Cusano Campus