10 dicembre 2016

Roma – Referendum, Santori-Benvenuti: “Venerdi a Marconi per dire SI, difendiamo il mare nostrum dai poteri forti”

 

“Da sempre siamo convinti sostenitori del SI al Referendum per dire no alle trivelle, e riteniamo che sia fondamentale la partecipazione dei cittadini alla consultazione proprio per ribadire la netta contrarietà al governo Renzi che ci vorrebbe assenti, ed è un fatto grave in una democrazia. Un SI per riscrivere un piano energetico nazionale all’insegna delle energie rinnovabili e soprattutto libero dai condizionamenti delle lobby. Anche per questo apprezziamo le parole del presidente della Corte Costituzionale il quale, rispetto all’imminente referendum, ha dichiarato che si deve votare e che esprimersi con il proprio voto fa parte della carta d’identità del buon cittadino”, così in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale di Fratelli d’Italia, e Piergiorgio Benvenuti, Presidente nazionale del Movimento Ecologista ECOITALIASOLIDALE, che si troveranno Venerdì 15 Aprile alle ore 18 con “Il Gazebo per il SI” in Viale Marconi, angolo Via Grimaldi, assieme al Capogruppo alla Camera dei Deputati di Fratelli d’Italia Fabio RAMPELLI, al coordinatore romano di Fdi Andrea DE PRIAMO, al segretario cittadino di ECOITALIASOLIDALE Fabio FICOSECCO, e, tra gli altri esponenti di Fdi, l’Avv. Francesco FIGLIOMENI, Caterina GALLI, Daniele CATALANO.

“Gravissima poi la vicenda che ha visto tra gli indagati il compagno del Ministro dimissionario dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, il quarto ministro che ha dovuto abbandonare il governo Renzi, vicenda che si articola proprio nel territorio di una delle regioni promotrice del referendum del 17 aprile. Peraltro l’oggetto della norma di cui si parla nell’intercettazione tra il ministro e il suo fidanzato è inserita nella legge di Stabilità 2016, oltre ad essere lo stesso del quarto quesito non ammesso al referendum perché recepito dalla legge del governo”, proseguono Santori e Benvenuti.

“Con la partecipazione dei cittadini al referendum oltre alla contrarietà alle trivelle, quindi alla difesa del nostro territorio, del turismo e della pesca, si sollecitano con forza maggiori controlli ambientali efficaci e indipendenti, ma soprattutto si può bocciare con forza ogni atteggiamento di sudditanza della politica agli interessi dell’industria fossile. Sarà inoltre anche un’opportunità democratica per gli italiani di bocciare gli ultimi tre governi, peraltro mai scelti direttamente dagli Italiani, Monti, Letta e Renzi che hanno di fatto determinato anche uno stop allo sviluppo delle rinnovabili che sono passate dal 44,9% del 2014 al 40,5% del 2015”, conclude la nota congiunta di Fratelli d’Italia e ECOITALIASOLIDALE.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.