4 dicembre 2016

Raikkonen, Adami e le insidie del circuito

A meno di due settimane dalla tappa in Bahrain, il circus della Formula 1 si sposta a Shanghai, dal 2004 sede del Gran Premio della Cina.
A introdurre l’appuntamento nella consueta anteprima sono Kimi Raikkonen e Riccardo Adami, ingegnere di pista di Sebastian Vettel.
Per Kimi si inizia dai ricordi del 2007, l’anno del Mondiale. “In gara le condizioni non erano delle migliori, all’inizio l’asfalto era bagnato, ma poi si è asciugato pian piano. C’era la possibilità di passare dalle intermedie alle gomme da asciutto e da lì continuare con quelle. Senza dubbio non è stata una delle gare più facili per nessuno, ma ne siamo venuti fuori bene”. “Quello di Shanghai è un circuito particolarmente impegnativo” prosegue Kimi. “All’inizio in alcune curve, se le fai bene, riesci a guadagnare tempo. Non è un tracciato facile, ma è divertente”. Shanghai è una città piena di vita e di attrazioni, ma per un pilota come Kimi è un’altra storia: “Ho sempre soggiornato al centro della città, senza mai visitarla. A parte il circuito e l’hotel non ho visto molto, se non che al mattino a volte il traffico è un problema…”

Fonte: ferrari.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.