4 dicembre 2016

Bracciano – Convegno sull’enciclica Laudato Si organizzato dal Parco di Bracciano-Martignano

 

Il Parco di Bracciano-Martignano organizza per la mattinata di sabato 16 aprile un convegno sull’enciclica di Papa Francesco, Laudato Sì. L’evento che si svolge presso il Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle, vuole porsi come obiettivo quello di creare una “discussione” proficua sui valori ambientali, culturali ed ecologici coinvolgendo le istituzioni del territorio, gli enti e le associazioni preposte alla tutela dell’ambiente creando in questo modo un dialogo proficuo.

Un’enciclica quella scritta e presentata da Papa Francesco che, con i suoi 246 paragrafi divisi in 6 capitoli, aggiunge finalmente un nuovo contributo alla dottrina sociale della Chiesa e delle singole coscienze facendo sì che si crei un pensiero ecologico comune.

Grande attenzione del Papa è posta ora all’educazione ambientale sia nelle scuole che nelle famiglie, allo scopo di “educare” grandi e piccoli ad una coscienza sostenibile.

I Parchi, anch’essi chiamati a rispondere a questo accorato appello, da sempre cercano di coinvolgere i ragazzi nella cura e nella tutela dell’ambiente attraverso l’ educazione ambientale nelle scuole. Abbiamo bisogno mai come in questo momento di un confronto che ci unisca tutti, perché la sfida ambientale che viviamo tocca la nostra vita quotidiana, indipendentemente dalla posizione geografica, economica e sociale.

Le parole del Papa infatti chiariscono bene il concetto quando, usando l’espressione “Casa Comune”, definisce la nostra terra, un pianeta ormai “stanco” di essere saccheggiato da un uomo che pensa di esserne l’unico e indiscusso proprietario.

Lo stesso Pontefice operando un’apertura all’esterno della Chiesa, cerca in questa enciclica di riunire il sentire comune “verso una riconversione ecologica”.

La pubblicazione dell’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco non può rimanere senza effetto per chi si occupa di tutela ambientale – commenta il Commissario del Parco Giuseppe Curatolo. Ai Parchi sono stati assegnati obiettivi la cui caratteristica dominante è quella di promuovere una buona interazione della vita della comunità umane con la flora, la fauna ed il territorio circostante. Il nostro Parco dedica grande attenzione inoltre alla formazione di adulti e ragazzi sui temi della naturalità e delle tradizioni con risposte davvero incoraggianti. Sappiamo però quanto i ragazzi siano severi nel giudicare e quanto poco amino l’incoerenza: una società di adulti che predica una cosa e ne poi fa un’altra vanifica qualsiasi messaggio positivo. Sulla scia di queste grandi tematiche è stato costruito il programma di questo evento per noi molto importante. Pur coscienti della vastità dei temi trattati nell’ Enciclica, ai Relatori ed agli Ospiti chiederemo di darci un’ idea, nel poco tempo che abbiamo, della ricchezza di temi e del valore del documento. Se avremo da questo evento risposte positive – conclude Curatolo – potremo pensare di aprire e  far vivere un “laboratorio” territoriale di ecologia globale che produca da subito azioni concrete e misurabili e diventando così anche un punto di riferimento per gli Amministratori locali.

L’Enciclica di Papa Francesco – dichiara il Direttore del Parco, Danilo Casciani – pone finalmente l’attenzione su un tema di grande attualità, quello ambientale e culturale che le aree protette da sempre si impegnano a sostenere. Con questa lettera si va diretti al centro del problema, mettendo in evidenza come lo “sfruttamento” indiscriminato della nostra terra è stato perpetrato per anni (anche con il consenso di molti). Con Papa Francesco si pone finalmente l’attenzione non solo al problema ma anche alla soluzione, non per tutti uguale, come ha voluto sottolineare il Pontefice, ma diversificata per ogni nazione, regione e popolazione. Non più decisioni che calano dall’alto ma interamente condivise. Per quanto possibile – continua Casciani – è quello che anche il Parco che io oggi rappresento cerca di fare: condividere le proprie finalità con le istituzioni e con la cittadinanza, pienamente consapevole che questa è l’unica strada percorribile per garantire un futuro ai nostri figli. L’Ente, in linea con questi nuovi intendimenti, è da sempre alla ricerca di un coinvolgimento della popolazione e delle giovani generazioni perché convito che un’ecologia sia soprattutto “culturale” e condivisibile. Come mette ben in evidenza il Pontefice – conclude Casciani – l’analisi dei problemi ambientali è inscindibile dai contesti umani, familiari, lavorativi e urbani. Abbiamo quindi bisogno di una “conversione” ecologica vera e propria oggi come non mai a favore di un comune sentire che ci spingerà a ricostruire, se pur a fatica, un equilibrio tra l’uomo e la natura che ci circonda.

Con il patrocinio di:

Ministero Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Aeronautica Militare – Museo Storico dell’Aeronautica di Vigna di Valle – Provincia di Viterbo – Città Metropolitana di Roma Capitale – FederParchi – Legambiente

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it