10 dicembre 2016

Caso Doina Matei, Bellocchi, Lega Nord: “Dovrebbe stare in carcere a pane e acqua”

Claudia Bellocchi, esponente della Lega Nord e presidente dell’Associazione federale donne padane del Lazio “Con te Donna”, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

Riguardo il caso di Doina Matei, la donna romena che nel 2007 uccise la 23enne italiana Vanessa Russo con un ombrello. “Bisogna dargli una pena severissima –ha affermato Bellocchi-. Ha commesso un grave reato e quindi deve essere punita. Non ci sono regole in Italia. Noi vogliamo una politica di pulizia: chi si comporta bene ok, chi si comporta male deve stare in galera, bianco, nero, giallo o verde che sia. Lei dovrebbe stare in galera invece ha pubblicato foto su Facebook come se nulla fosse accaduto. C’è una famiglia distrutta, che soffre. Non è possibile che accadano cose di questo tipo. Ci vogliono pene severissime, questa signora dovrebbe stare in carcere a pane e acqua poi vediamo se continua a mettere foto su facebook. Ma quale diritto alla felicità… La signora felicità ha commesso un grave delitto, quindi deve essere punita. Io sono assolutamente rigorosa su questo”.

Elezioni a Roma. “La linea della Lega è di appoggiare Giorgia Meloni –ha affermato Bellocchi-. Noi per la prima volta saremo in campo con una lista per Roma. Non è nella nostra linea politica appoggiare un candidato che i cittadini non vogliono, come Bertolaso, sennò i romani ci sputano in faccia. Bertolaso lo rispetto, è un tecnico, ma noi non dobbiamo fare i compiti in classe. I cittadini vogliono veder risolti i problemi del quotidiano, vogliono una persona del popolo come la Meloni, una persona genuina che viene dalle periferie. Io sto in mezzo alla gente e mi dicono che Bertolaso non lo vogliono. Noi siamo in campo per portare le persone a votare e dare una spinta ai tanti elettori schifati dalla politica. Quello che interessa a me è il tema delle donne, della sicurezza, di questo si dovrà occupare il prossimo sindaco”.

L’UniCusano ha deciso di interrompere i rapporti con gli atenei egiziani finchè non emegerà la verità sul caso di Giulio Regeni. “E’ una decisione giusta –ha sottolineato Bellocchi-. L’Italia vuole la verità e ha il diritto di chiederla. Io sono dalla parte dei familiari. Ogni giorno in Egitto dicono una cosa poi ribaltano la situazione. Anche io vorrei la verità, il resto sono chiacchiere. Ci sentiamo presi in giro, così come per i Marò”.

Fonte: Radio Cusano Campus