5 dicembre 2016

Aborto, On. Gigli: “La CGIL vuole carriere privilegiate per i non obiettori e questo è incostituzionale”

Gianluigi Gigli, deputato di Democrazia solidale, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o Giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sui medici obiettori di coscienza. “Vorrei spezzare una lancia a favore degli obiettori sottoposti ciclicamente a un tentativo di criminalizzazione –ha affermato Gigli-. Non dovrebbe stupire se la larga maggioranza dei ginecologi non vuole praticare aborti. Sono persone che hanno scelto nella loro vita di fare i medici, se possibile di salvare delle vite e di aiutare bambini a nascere. Perché stupirsi se l’80% dei medici sono obiettori? L’Europa su questi temi non ha potestà. I trattati europei prevedono l’assoluta inefficacia di qualunque decisione europea sulla pelle di un Paese membro. Il punto è che qualcuno ha scelto di lavorare per la vita e qualcun altro no. Ci Sono dati del Ministero che dicono che il carico di lavoro per un medico non obiettore è di 1.6 aborti alla settimana, quindi non sono persone con un grande carico di lavoro da questo punto di vista. E neanche le donne sono penalizzate perché i punti aborto sono più che sufficienti considerando il numero degli aborti. Qui si vorrebbe l’aborto sotto casa. La Cgil vuole dei concorsi riservati per non obiettori, delle carriere riservate e privilegiate per i non obiettori. E questa è una cosa che stride, che crea dei privilegi. E’ incostituzionale. Uno Stato nel quale la coscienza viene messa in secondo piano finirebbe per diventare uno stato illiberale”.

Sull’utero in affitto. “La vicenda di Vendola ha suscitato particolare attenzione per due motivi –ha affermato Gigli-. Non perché fosse gay, c’è anche quello di problema certamente, ma la punta dell’iceberg della maternità surrogata non è fatta dai gay bensì dagli omosessuali. Quindi il caso Vendola ha suscitato clamore in quanto lui è un esponente politico quindi una persona che, per i ruoli pubblici che ha avuto, avrebbe dovuto avere un’attenzione particolare alle leggi, anziché evaderle. E poi Vendola veniva da una cultura di sinistra. La sinistra, prima di diventare prigioniera di una cultura radicale, aveva un’attenzione particolare alla dimensione della giustizia sociale. E con l’utero in affitto parliamo di una forma di sfruttamento della povera gente. Che questo lo faccia un comunista di vecchia data come Vendola genera particolare scandalo”.

Fonte: Radio Cusano Campus