9 dicembre 2016

Roma – Storace: “Pronto a convergere su un candidato unico se c’è unità d’intenti”

©AlessandroParis/Lapresse Roma 04-04-2008 poitica Il caffe di Sky intervista Francesco Storace Nella foto: Francesco Storace

Francesco Storace, candidato sindaco a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

In merito alle elezioni amministrative a Roma. “Io non metto paletti –ha affermato Storace-, mi regolo con l’abc della politica. Non ho chiesto di parlare di organigrammi. Mi interessa capire se si possono fare 10 cose con un unico sindaco di centrodestra. Ho preparato un decalogo programmatico. Mi aspetto delle risposte, perché non hanno voluto fare le primarie e non hanno voluto rispondere al mio appello per incontrarci e metterci d’accordo. Dato che la Meloni è in testa ai sondaggi, sono disposti Bertolaso e Marchini a convergere su un programma? Io vorrei che questo grande schieramento si formi e si vada alla vittoria. Ognuno chiede agli altri 3 di ritirarsi e questo non va bene. Io non ho chiesto agli altri di ritirarsi in favore mio. Bisogna mettere fine a questa commedia. Non metto fretta a nessuno, però se anche questa settimana passerà così, e sarebbe folle, io non starò fermo. Se evitano persino di rispondere e di dare disponibilità ad un’unica candidatura, io mi candiderò per conto mio. Sul candidato da supportare ho preclusioni solo per Giachetti e Raggi, per il resto si prenda una decisione. Una volta a destra ci rimproveravamo tutti quanti, volevamo sempre il candidato perfetto mentre la sinistra votava chiunque. Invertiamo un po’ le parti stavolta. Io ho avuto un arretramento nei sondaggi nel momento in cui è scesa in campo la Meloni, che ha grandi risorse per giganteschi cartelloni con cui ha invaso le strade di Roma. Bisogna fare attenzione a non trascurare voti che possono essere determinanti e decisivi per arrivare al ballottaggio. Le differenze ci sono con tutti, altrimenti non mi sarei candidato, però bisogna pensare più alla prospettiva finale. Con la Meloni non sono riuscito a farci un partito, su Bertolaso e Marchini ho dei dubbi, però non mi va neanche di perdere. La condizione base è la reciprocità nelle intenzioni. Io ho tentato di bypassare il problema Salvini e Berlusconi, proponendo incontri tra i candidati, ma evidentemente c’è chi non ha autonomia. E l’autonomia è fondamentale per amministrare la città. Loro non hanno mai amministrato neanche un condominio. Bertolaso ha amministrato la protezione civile dove c’è solo somma urgenza, non ci sono le regole che ci sono al Comune. Vengono da mondi estranei a questo tipo di amministrazione. Io comunque sono disposto a portare la mia esperienza anche senza dover per forza essere la prima donna. Però bisogna sbrigarsi. Credo che quando si va al governo di Roma sarebbe folle rischiare di accanirsi contro chi ha esperienza, abbiamo già provato il nuovo a Roma che era Ignazio Marino, il candidato del Pd per l’antipolitica. Si è visto poi come è andato a finire”.

Sulle critiche di Salvini al Presidente della Repubblica che potrebbero costargli l’accusa di vilipendio, come accadde a Storace con Napolitano. “Il 5 giugno si vota e io 3 giorni prima ho la sentenza del processo di appello su Napolitano per vilipendio –ha affermato Storace-. Un parlamento inerme che spreca mesi per parlare di sesso o di condizioni civili, non ha varato norme per togliere di mezzo il vilipendio che prevede pene fino a 5 anni. Ve lo immaginate Salvini condannato a 5 anni per vilipendio? Al Senato hanno approvato una norma per riformare questo istituto, alla Camera questa norma è ferma chissà dove. Salvini è vittima di se stesso, perché avrebbe potuto cambiare la norma. Non c’è stato un cristiano che si sia mosso per far passare una norma che perlomeno riduca la condanna quando si tratta di critica politica. Al momento è il ministro della giustizia che decide se è vilipendio o no. Su queste cose non si può procedere d’ufficio. Dovrebbe essere il Capo dello stato che, se si sente offeso, decide di querelare. Al momento chi sta all’opposizione deve stare attento a rimproverare chi sta al governo o chi presiede la Repubblica. Probabilmente le parole di Salvini sono andate un po’ oltre, ma ci deve essere la possibilità di criticare altrimenti siamo in un regime”.

Fonte: Radio Cusano Campus