20 febbraio 2017

Roma – Pivetti: “Ho un figlio romano e romanista che mi ha fatto amare la città”

Irene Pivetti (Noi con Salvini) è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

Su Roma. “Roma la sento ormai la mia città pur essendo romana d’importazione –ha affermato Pivetti-. A differenza dei latini, la vedo bella e nuova tutti i giorni. Ho imparata ad amarla attraverso agli occhi di mio figlio che è nato qui, è romano e romanista. L’anima di Roma è plurale, ha una grandissima identità ma non ti chiede di rinunciare alla tua, la ingloba. C’è un federalismo romano. Questa città però merita di essere più splendente di così. Non la si può gestire come una città normale. Non ha bisogno solo dell’ordinaria manutenzione, ma anche di una visione strategica”.

La spaccatura nel centrodestra. “L’obiettivo comune è di dare a Roma un governo buono di centrodestra –ha affermato Pivetti-, però questo risultato non si può ottenere correndo divisi. Ci vorrebbe un po’ di ragionamento. Chi ha competenze di buona o ottima amministrazione non è detto che debba essere la figura politica di riferimento. Qui la rissa non dev’essere per chi fa il capoclasse ma per la squadra che vince. Bisognerebbe ricordarsi più degli obiettivi comuni. Confido molto nel buonsenso di Silvio Berlusconi. Alessandro Magno è diventato grande perché mediava. Io stessa mi sono candidata a sindaco, ho avuto un buon risultato, ma quando si è candidata la Meloni non ci ho pensato un attimo a candidarmi io contro di lei. Se dici di essere di centrodestra devi seguire delle logiche coerenti di costruzione del centrodestra e in questo Salvini è stato molto leale. Ha detto che Bertolaso non lo convince e ha deciso di appoggiare la Meloni. Bertolaso può essere un ottimo city manager ma non ha la statura di politico, lo si capisce ogni volta che apre bocca. Se gli alleati non si sono allineati, Berlusconi dovrebbe usare l’arte della mediazione che non vuol dire ridimensionare la leadership. Vuole dire spostare la leadership da verticale e perdente ad una orizzontale e vincente. Bertolaso non è mai stato appoggiato da tutti. Salvini, 10 minuti a tavola con Berlusconi, ha detto che Bertolaso poteva andare, ma questo non vuol dire che aveva avallato la candidatura. Da che mondo è mondo le coalizioni politiche sono governate dai segretari dei partiti politici. Se uno non è d’accordo su un candidato si sceglie un altro candidato. Tra FI e Lega c’è sempre stato amore/odio, però infondo grande amore, come tutte le coppie interessanti c’è un po’ di dialettica. E’ la coppia di fatto più duratura nella storia d’Italia. L’amore non è bello se non è litigarello. Alla fine siamo ancora qua e per questo sono fiduciosa”.

Fonte: Radio Cusano Campus