10 dicembre 2016

Anagni – Fabio Roiati torna sulla questione sanità del territorio

Le recenti polemiche sono forse eccessive per la motivazione, “ letti “ , ma comunque utili e/o necessarie per tenere sempre viva la consapevolezza della emergenza sanitaria che caratterizza il nostro territorio.

Non sono certo polemiche sorte per difendere 7/8 letti, magari anche arrugginiti dal lungo abbandono in cui versano, sicuramente più utili, in questo momento, in altra sede, ma sono proteste mai sopite per la mancata realizzazione di un progetto, ratificato da un atto legislativo, decreto del C.A. n.U000134, approvazione atto aziendale, pubblicazione sul BURL n.32  del 21 aprile 2015, che dispone l’attuazione nel Presidio Sanitario di Anagni di una serie di attività che avrebbero permesso un miglioramento dell’offerta sanitaria per il nostro territorio, l’inizio di un percorso di crescita.

E’ la protesta contro chi vede il Presidio di Anagni come una struttura da continuare a depredare, non certo di solo letti,  ma anche di quel poco che ormai è rimasto, il personale, dopo l’espoliazione, dei primi mesi del 2013.

La contrapposizione tra Anagni e Alatri è stata sempre considerata, da chi aveva a cuore la sanità di questo territorio, come una “guerra tra poveracci” , una contrapposizione che si perde negli anni, una contrapposizione spesso voluta e alimentata, perchè in questo modo non si è mai affrontata la vera soluzione , cioè la organizzazione dei due ospedali in modo complementare e sinergico, questo si che avrebbe portato a qualcosa di costruttivo per la sanità, ben venga, quindi la completa e sincera disponibilità del dottor Roberto Sarra a collaborare per  realizzare una sanità migliore, e ben venga la nomina del dottor Massimo Natalia a Coordinatore Responsabile per le attività sanitarie del Presidio di Anagni.

L’assenza di questa programmazione sanitaria, negli anni, ha condotto da una parte alla chiusura dell’ospedale di Anagni, dall’altra alla lenta agonia dell’ospedale di Alatri, che oggi si vuole rilanciare, è importante perchè non possiamo permetterci di perdere altri pezzi di sanità nel nostro territorio. Promesse di nuovi posti letto, ma si spera anche nuovi medici ed infermieri, che non sia, insomma, una semplice promessa, esperienza amaramente vissuta per quanto riguarda la riorganizzazione del presidio anagnino, fermo a quel 21 aprile 2015.  In un momento storico, giugno-luglio del 2014, caratterizzato da :  piano di rientro economico 2013/16, blocco delle assunzioni, assenza totale di ogni investimento in sanità, pur consapevoli come sempre stati, della necessità di una struttura ospedaliera a servizio del territorio a Nord della nostra provincia, un gruppo di medici presentò un piano di riorganizzazione, recepito poi nell’atto aziendale, che avrebbe permesso di riportare una offerta sanitaria all’interno di un ospedale chiuso ed abbandonato da quasi due anni, progetto considerato come punto di partenza da implementare una volta superata la fase di rientro economico regionale.

Caratterizzata da una grave crisi economico-sociale-ambientale e sanitaria, la realtà attuale è che si registrano ormai stabilmente affollamenti nei pochi Pronto Soccorso funzionanti, sempre più frequentemente sia l’ospedale di Frosinone sia  le strutture ospedaliere  romane, hanno difficoltà a garantire una adeguata assistenza sanitaria, con comunicati di situazione di allerta da grave sovraffollamento,  si assiste ad una rinuncia alla cura da parte del cittadino paziente, in quanto non ha soldi per curarsi( 13% della popolazione della nostra area, dati ISTAT 2015) legato al progressivo impoverimento della popolazione per l’alto tasso di disoccupazione del territorio( tasso di disoccupazione del 18% vs 12,5 nazionale, dati ISTAT 2014).

Un’area in cui è necessario tornare ad investire, incominciando dalla sanità, su questo sarà necessario il pieno coinvolgimento dei sindaci del territorio, tornare a chiedere per ottenere un ospedale di area disagiata per grave crisi economico-sociale-ambientale e sanitaria .

About Samantha Lombardi 4035 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it