8 dicembre 2016

Trivelle, Emiliano, presidente Regione Puglia: “Se Renzi ha sbagliato a dire che il referendum è inutile? La domanda è inammissibile perchè contiene la risposta”

 

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano (PD) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

In merito all’intervento del Presidente della Consulta sul Referendum. “Chiunque abbia una cultura istituzionale e costituzionale, non può che dire che al referendum si deve andare a votare –ha affermato Emiliano-. Chi ha una concezione diversa non ha idea di quanto è stato difficile introdurre nella Costituzione questi elementi di democrazia diretta e quanto siano costati a chi condusse la lotta di resistenza e a chi ha scritto la Costituzione. Bisognerebbe custodirli come oggetti preziosi e delicatissimi. Quello che non può succedere è che i cittadini pensino che un referendum sia inutile. Posizione di Renzi sbagliata? La domanda è inammissibile perché contiene la risposta…”.

Intercettazioni. “Quando un politico viene coinvolto dalle intercettazioni –ha affermato Emiliano- deve avere la forza di resistere. Quando non hai nulla da nascondere non devi temere. Le cariche pubbliche sono molto impegnative, perché sacrifichiamo la nostra vita privata nell’esercizio di questa funzione. Dobbiamo accettare che anche una cosa privata possa emergere. Non ce l’ha prescritto il medico di fare politica. Nel momento in cui le intercettazioni vengono utilizzate per diffamarti, esiste il reato di diffamazione. Se qualcuno ti calunnia, esiste il reato di calunnia. La dichiarazione del neo presidente dell’Anm mi è sembrata quella più giusta, cioè che esistono tutte le norme per sanzionare chi fa uso scorretto di intercettazioni telefoniche. Quando vivi una vita pubblica e qualcuno parla di te al telefono, ci sono volte che ti può andare bene e altre che ti può male. A me è capitato di ricevere complimenti e a volte calunnie. Quando le persone parlano di un’altra persona non sempre è oro colato. Quando invece sei coinvolto direttamente e fai qualcosa di scorretto è giusto che i cittadini lo sappiano. Se un fatto ha rilievo penale non c’è alcun motivo per impedirne la pubblicazione se non lede il segreto istruttorio. Se invece è un evento assolutamente privato e irrilevante, per quanto grave dal punto di vista morale, sta alla magistratura e ai giornalisti non renderlo pubblico. Ma per questo esistono già norme sanzionatorie”.

Sul dossier Delrio. “Ho una fiducia assoluta in Delrio –ha affermato Emiliano-. Se il sindaco di Reggio Emilia, città gemellata con Cutro, si fosse rifiutato di andare a Cutro perchè la considera città di ndrangheta, io come italiano e meridionale mi sarei sentito offeso. Poi è chiaro che come in tutte le città, anche a Cutro ci sono soggetti criminali. La comunità di cutresi di Reggio Emilia è fatta di persone per bene, se Delrio si fosse rifiutato di andare avrebbe fatto una cosa di una gravità inaudita”.

Fonte: Radio Cusano Campus