4 dicembre 2016

Roma – Bertolaso: “Sa sindaco sposterò la sede operativa a Tor Bella Monaca”

Guido Bertolaso, candidato a sindaco di Roma per Forza Italia, è stato ospite di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Efficienza e trasparenza nell’amministrazione. “Bisogna riorganizzare la squadra –ha affermato Bertolaso- ed essere determinati nel fare pulizia nelle sacche di disorganizzazione e illegalità, mobilitando la grande massa del personale capitolino che è stata deresponsabilizzata e sta negli uffici a leggere il giornale. Tutti devono lavorare insieme, bisogna motivarli, per fare in modo che le tempistiche nel raggiungimento degli obiettivi vengano rispettate. L’altro giorno mi sono occupato delle voragini che riguardano molti quartieri di Roma, c’è da mettere d’accordo tutte le componenti e adesso non c’è coordinamento e non c’è dialogo. Roma si risolleva solo se c’è una squadra unita, che sa quali sono i lavori da fare e i tempi da rispettare”.

L’associazione di volontari Tappami vuole che la sua posizione venga regolarizzata. “E’ un’idea fondamentale coinvolgere i cittadini che già oggi fanno volontariato –ha spiegato Bertolaso-. Questo è un lavoro che oggi stanno facendo i cittadini perché purtroppo la PA non funziona. E qualche cittadino ogni tanto viene pure multato per questo, è paradossale. La PA e i municipi devono lavorare insieme a questi volontari. Tappami e altre associazioni non devono essere strumentalizzate solo in campagna elettorale, devono essere valorizzate e coinvolte dal sindaco”.

Un ascoltatore chiede di spostare la sede operativa del sindaco a Tor Bella Monaca.  “Sono assolutamente d’accordo –ha affermato Bertolaso-. La mia idea è proprio quella di spostare il Campidoglio nei quartieri più degradati, dove ci sono i maggiori problemi. Le periferie oggi non sono solo urbane ma sono anche periferie esistenziali, come le chiama Papa Francesco. Se i romani vorranno venire a trovarmi non dovranno venire in Campidoglio, ma a Tor Bella Monaca, a Torpignattara, a Corviale”.

Mercato della Befana di Piazza Navona, molti lo rivorrebbero. “Ristabilire le tradizioni di questa città è un altro aspetto fondamentale –ha sottolineato Bertolaso-. Il mercato di Piazza Navona è importante, così come tante iniziative in periferia che sono state cancellate. La vita sociale di molti quartieri romani si è spenta, la gente si chiude in casa, ha anche paura di uscire la sera. Un esempio sono le cascate del laghetto dell’Eur… Ora Quella zona meravigliosa  è andata piano piano degradandosi. Si recuperano i valori della tradizione anche lottando contro il degrado, verso cui ci deve essere tolleranza zero. Una volta ristabilita la normalità, si può ripartire con tutte le iniziative”.

Proposta di zone per prostituzione. “Sono ipotesi ancora campate per aria e di difficilissima realizzazione –ha affermato Bertolaso-. Il Comune deve combattere questa vergognosa tratta delle schiave, molte donne vengono raggirate, con la promessa di venire a Roma per un lavoro onesto e poi vengono costrette a prostituirsi dai trafficanti di donne. L’intervento va fatto contro questi sfruttatori. Oggi a Roma, capitale della cristianità, mi sembra prematuro parlare di quartieri per la prostituzione. Dobbiamo prima garantire sicurezza e ripristinare la legalità, poi valuteremo anche altre iniziative”.

Arresti per mafia ad Ostia. “Stiamo parlando di un municipio commissariato per mafia –ha sottolineato Bertolaso-. Abbiamo la prova provata che c’è stato del malaffare e forse continua ad esserci anche se il prefetto sta facendo cose importanti. L’estate si avvicina e c’è il rischio che gli stabilimenti non funzionino. Questo è un altro punto del mio programma. Roma è una città che si affaccia sul mare e non si possono penalizzare i romani non facendogli godere il proprio mare. Purtroppo la data delle elezioni è sbagliata, il nuovo sindaco non potrà intervenire a fine giugno per questa stagione. Io vorrei che i romani possano andare ad Ostia a fare il bagno, a godersi la pineta, le bellezze del porto romano, di Ostia antica. Tutta una serie di realtà oggi abbandonate e degradate. Va sfruttato questo enorme tesoro culturale che abbiamo, anche per turismo”.

I gufi che gli chiedono di rinunciare alla candidatura. “Non ho problemi di gufi –ha affermato Bertolaso-. Sono abituato a risolvere i problemi, l’ho fatto in giro per il mondo e in Italia. Voglio dare una mano per risolvere la drammatica situazione della nostra città”.

Fonte: Radio Cusano Campus