3 dicembre 2016

MotoGp Austin 2016: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 10: 52 vittorie, di cui 4 di seguito in Texas, 60 pole position sono i numeri fenomenali di un campione che ha soli 23 anni. Ha letteralmente dominato sin dai primi istanti del venerdì ed in gara ha avuto come ostacolo solo il cronometro. In questa affermazione c’è tanto del suo talento perché la Honda ancora non è al top. Tra i big è l’unico (in realtà ci sarebbe anche il Dovi, perché esente da colpe) che ancora non è vittima dell’anteriore della Michelin. Un sigillo che gli permette, dopo sole 3 gare, un piccola fuga in campionato. Pauroso!

 

JORGE LORENZO 9-: Il campione del mondo in carica non ha mai digerito il Circuit of America. Usa il polso e la testa nel modo giusto quando si ha di fronte un avversario che è semplicemente più in palla tra certi cordoli. Il campionato è all’inizio e ci sono ancora tante incognite. In questi casi chi si contenta gode!

 

ANDREA IANNONE 8: Ad inizio gara l’abruzzese sembra essere nervoso ma una volta trovate le misure e la fortuna, il podio è la minima ricompensa per gli sforzi della sua squadra. Graziato!

 

MAVERICK VINALES 8: Ingaggia e vince un bel duello con il teammate. Porta a casa, così, una medaglia di legno placcata, per l’occasione, d’oro. Un bel pilota che si mette in mostra ancora una volta. Bravo!

 

ANDREA DESMODOVI: Un consiglio: a Pompei c’è un bel santuario. Visitalo!

 

DANI PEDROSA: Pur senza dolo, va a scusarsi per quanto ha provocato. Non è stato come alcuni che…..Lui è un signore, poche chiacchiere. Applausi!

 

VALENTINO ROSSI 4: Con le gomme di cui non è testimonial sembra non avere un buon feeling. Cade dopo tre tornate e dopo tre gare il suo campionato sembra già segnato. Per il decimo titolo, obiettivo dichiarato ad inizio stagione, occorre che ritorni ad essere animale per tutta la gara e non solo volpe inseguitrice in qualifica. Forza!

 

HONDA: L’unica moto dell’ala dorata presente nelle prime dieci piazze è quella di Marquez…..

 

YAMAHA: Con il pilota che non sarà più suo alfiere l’anno prossimo va bene. Con l’alfiere delle prossime due stagioni è per ghiaia….

 

DUCADUTI: Hanno bisogno di una benedizione e di campione. Per la prima li invito a Pompei. Per il secondo, l’anno prossimo ne avranno uno niente male…..

 

SUZUKI: Occorre fare l’ultimo step, quello più difficile.

 

APRILIA: Nonostante le tante cadute……Colaninno se ci sei batti un colpo!

 

MICHELIN: Tante scivolate, specie tra i più veloci. Campanello d’allarme che dovrebbe far riflettere.

 

GARA: Noiosetta.

 

FREDDURA: 19 giri senza poter urlare il proprio idolo è stata una prova difficile da superare. Bravo per averla superata tra una frizione che non sfrizionava ed una bandiera biricchina….

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.