3 dicembre 2016

“La memoria visionaria dell’io” III appuntamento di Mnemòsine

«Ogni memoria rappresenta un affresco nelle pagine dell’esistenza di un popolo e di un individuo. Come un grande fiume che scorre. Ogni goccia d’acqua è una memoria. Uomo, storia, tempo. Una parola per ogni pensiero. Per raccontare ciò che è stato. Per non dimenticare.»

È al via il terzo appuntamento di Mnemòsine, ricordo, suggestioni, narrazioni con “La memoria visionaria dell’io”, giovedì 14 aprile – ore 18:30 presso la galleria Le Quattro Pareti, in Via Fiorelli 12/D (Na). Protagonista dell’incontro sarà Carolina Cigala, impegnata in una performance poetica introspettiva e visionaria, guidata dalla giornalista Paola De Ciuceis e accompagnata da Giulio Calogero alla chitarra.

Il ciclo di incontri è organizzato da CaffèLetterario (gruppo-comunità virtuale del social network Facebook, fondato da Argia Di Donato) e Le Quattro Pareti (galleria d’arte dell’avv. Maria Giovanna Villari), in collaborazione con la libreria di tutti IOCISTO, il movimento culturale Liberiamo il cratere, le associazioni La casa di Mercurio, Le Cose che vanno, Novello Aedo, l’organizzazione Arilù Music e la Drogheria Fiorelli.

Le opere pittoriche dell’artista napoletano Raffaele Pisano in omaggio a Parthenope, fanno da cornice all’intera manifestazione.

Dopo il successo dell’inaugurazione con la giovane autrice Lavinia Petti con “La memoria per costruire il presente”, e il grande riscontro avuto durante il secondo incontro “La memoria tra consapevolezza ed impegno”, con  Elena Varriale ed Erika Filardo, Mnemòsine per il terzo appuntamento presenta “La memoria visionaria dell’io”, giovedì 14 aprile – ore 18:30, di cui si farà portavoce la poetessa Carolina Cigala con Respiri (Tullio Pironti Editore) in un altalenante collazione di ricordi ed invocazioni su un tappeto di visioni oniriche che trasportano verso l’infinito intimista e poliedrico della coscienza.

Con l’autrice, la giornalista Paola De Ciuceis, che condurrà gli ospiti nell’universo affascinante e multiforme della poetica della Cigala.

Serata di parole e musica, dunque, con le incursioni sonore di Giulio Calogero che accompagnerà la performance poetica con chitarra e voce, proponendo alcuni brani tratti dal proprio repertorio musicale e che meglio si sposano con i temi affrontati da Carolina Cigala.

Letture a cura di Sabatina Art.

Tra gli ospiti, Sandra Mannato, Presidente dell’Accademia Pranic Healing Napoli per la Casa di Mercurio, che porterà il proprio saluto e spiegherà le finalità dell’Accademia del “Pranic Healing,” tecnica di guarigione energetica.

MNEMÒSINE, Ricordo, suggestioni, narrazione.

Il ruolo della memoria nel percorso individuale e collettivo. Dal recupero delle proprie radici alla costruzione di un futuro possibile, attraverso un viaggio interiore che offre, nella riflessione individuale, un’opportunità per affrontare con una differente chiave di lettura i temi comuni della moderna società. È una celebrazione della Memoria nella sua accezione più antica, Mnemòsine, la madre delle muse tutrici delle arti, e di tutti gli aspetti a essa connessi, per acquistare la consapevolezza di ciò che si è e del proprio ruolo nel mondo.

Quattro, dunque, i temi proposti, e quattro le tappe e gli aspetti diversi della relazione tra uomo e memoria (la memoria per costruire il presente; la memoria tra consapevolezza ed impegno; la memoria visionaria dell’io; la memoria nel recupero delle proprie radici), illustrati tramite un approccio letterario e poetico contraddistinto dagli ospiti della manifestazione che via via si alterneranno nei locali de Le Quattro Pareti (Via Fiorelli 12/D – NA) fino a tutto aprile 2016.

Chiude il ciclo di appuntamenti in onore della memoria, “La memoria nel recupero delle proprie radici”, con venerdì 29 aprile – ore 18:30, Maurizio Ponticello, autore di Forse non tutti sanno che a Napoli… (Newton Compton), un incredibile viaggio che percorre oltre duemilaseicento anni della storia di Napoli e delle memorie perdute, presentate sotto una luce nuova che rivela aspetti insoliti, a volte oscuri ma pur sempre affascinanti. Relatrice, la giornalista Federica Flocco. Letture a cura di Camilla Aiello, avvocato, attrice.

NOTA AL LIBRO RESPIRI (TULLIO PIRONTI EDITORE)

«La sua poesia […] non è né ermetica né neoermetica; è invece una poesia ben consapevole dei progressi che quest’arte ha raggiunto, ma che non se ne è accontentata ed è andata ancora più avanti. In meglio? In peggio? Questo lo stabiliranno i posteri. Io, contemporaneo, mi avvalgo della facoltà di dire quello che penso, e affermo perciò che Carolina è andata avanti nel meglio».

(dalla Prefazione di Vittorio Paliotti)

«Sull’asse di visione e invocazione si polarizza – in modo (e moto) rescindente fin dall’intimo – il dire della poesia, il suo flatus. Perché, se nel vociare essa convoca il proprio oggetto o desiderio (l’altro, o insomma l’oscillare della sua ombra), s’appella a esso – destinatario invisibile – così esponendo, intiera, la marca sintattica di quella interrogazione: una interlocuzione senza possibilità di risposta; la visione invece lascia che la figura (forma e persino materia) improvvisa irrompa a rivelarsi, senza intervento a essa esterno, trasmessa dal lato interno della voce, come in una trance. […]

L’approssimarsi di Carolina Cigala allo spazio della poesia si estende su ambedue questi estremi, senza avvertirne l’intimo dissidio, anzi quasi poggiandoli l’uno sull’altro, come in equilibrio di frana, blocchi scoscesi che mutuamente si sostengano dopo l’esplosione.

Eppure, visiva, ancora più che evocativa, è la tensione che anima la sua parola; e prova a bucare il foglio, dissipare la pagina, da essa lasciar tralucere solamente la figura che, intanto, va incendiandosi sul proprio lato interno: all’attacco della lingua o ancor prima, più giù, nel vibrare sordo, incessante delle corde, giusto al seme della voce, nell’emissione di fiato. Se una parola è autentica in poesia, sa che da sé, o forse in sé, non basta: che per trasmettersi, per divenire spazio e segnale, ha bisogno di trasferirsi in solido: tridimensionale: carne d’immagine, sua pulsazione profonda. Scolpendosi – appunto – respiro su respiro. […]

È questa la tensione che anima il dire di Carolina; nel dire e dirsi “altro”, sottotraccia alla lettera, il suo dono da svelare, la sua più sicura promessa».

(dalla Nota critica di Tommaso Ottonieri)

BIOGRAFIA CAROLINA CIGALA

Carolina Cigala è nata a Napoli nel 1966. Dopo aver compiuto gli studi classici, ha frequentato la facoltà di Architettura presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, dove si è laureata nel 1991. Nel 1999 ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Composizione Architettonica presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Alla professione ha affiancato attività di didattica e di ricerca universitaria.

È autrice di articoli su riviste e quotidiani nel campo dell’arte e dell’architettura. Nel 2009 ha scritto e illustrato per Voyage Pittoresque “Leggende di mare e di fuoco”. “Respiri” è la sua prima raccolta di poesie.

BIOGRAFIA PAOLA DE CIUCEIS

Paola De Ciuceis è nata a Napoli dove vive e lavora, dopo la maturità classica si laurea col massimo dei voti e lode in Lettere moderne-indirizzo storico artistico contemporaneo all’Università di Napoli  “Federico II”.

Giornalista free lance collabora con le redazioni arte, cultura e spettacoli di quotidiani e periodici. In particolare, dal 1994, con il quotidiano “Il Mattino” dove è tuttora assiduamente impegnata nelle pagine d’arte e cultura; dal 2001 al 2004 ha collaborato con il Corriere della Sera; con il quotidiano City-Napoli dello stesso gruppo RCS, dal 2001 al 2005 è stata titolare della rubrica “Arte”.

BIOGRAFIA GIULIO CALOGERO

Giulio Calogero, già voce di varie band napoletane, oggi autore e compositore, ha scritto numerose canzoni ispirandosi alla musica leggera di stampo battistiano; attualmente sta lavorando al progetto “Dal buio e dal sole”, un breve spettacolo composto da dieci canzoni che ruotano intorno ai temi dell’amore e delle emozioni che l’amore ispira.

BIOGRAFIA SABATINA ART

Sabatina è una scrittrice e pittrice italiana.

Tra le sillogi poetiche: Metastasi d’autonomia (2011), Tango per cigni neri (2013), A briglie sporche (2013), Poesie d’amore (2015).

BIOGRAFIA RAFFAELE PISANO

Raffaele Pisano nasce a Napoli il 5 settembre 1968. Fin da giovanissimo mostra una grande vocazione nel disegno, consegue la Laurea in Architettura presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II. Durante gli studi universitari incontra il Professore Architetto Riccardo Dalisi. Designer (premio Compasso d’oro) per collaborazioni estemporanee, con il passare del tempo la sua formazione tecnica non allontana la voglia dell’esprimersi con il disegno a mano libera e la pittura che, con i suoi infiniti colori e sfumature, gli fornisce un’esperienza tattile molto forte. Nelle sue realizzazioni si richiama spesso il mare, il mediterraneo e il suo mondo fatto di barche, pesci, colori, popoli, case, luoghi e atmosfere antiche, ancestrali ma sempre presenti. L’artista è appassionato di immersione subacquea.

Esordisce nella città natale con la prima mostra presso la galleria Merliani; fa seguito una seconda mostra presso la galleria Partenope, dove espone gran parte dei suoi dipinti ad olio su tela e altri supporti: il mare è il tema dominante con le sue creature e le imbarcazioni. Il soggetto è rappresentato con figure oniriche a volte surreali, la tela è il luogo ideale dell’irreale per comunicare con la sensibilità e per ritrarla assieme a tutto il contesto. La proposta artistica di Pisano si trasforma in un racconto introspettivo, un viaggio interiore, un’esperienza profonda ed antica e finestra alla quale affacciare le proprie attese. L’immagine diviene la chiave di volta del sogno, analogamente al subacqueo che esplora il mare per stabilire nuove scoperte possibili.

– Napoli, 2007: personale presso la “piccola Galleria Merliani”, in Via Merliani (NA);

– Chiusi (Siena), 2008: personale presso “Galleria del Lago”;

–  Napoli, 2009 : collettiva presso  S. Martino;

– Napoli, 2009: personale “Il Sogno Blu” presso la galleria “Partenope” in via del Parco Margherita (NA);

–  Napoli, 2010: collettiva a Sant’Elmo (NA) per il maggio dei monumenti. Pisano sperimenta la pittura “dal vivo”, performance pittorica estemporanea;

– Amalfi (SA), ottobre 2010: collettiva ad Amalfi Ars Faciendi;

– Aversa (CE), 2015: Personale “Le pietre e il mare” presso il Palazzo Parente;

– Napoli, 2016: Personale “Memoria eidetica” presso la “Galleria Le 4 Pareti”, in via Fiorelli 12/D.

 

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.