6 dicembre 2016

Rieti – Servizio Volontario Europeo, l’esperienza del Comune e della Caritas Diocesana

 

Il Comune di Rieti e la Caritas Diocesana hanno aderito al Servizio Volontario Europeo (Sve), il programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione europea nell’ambito di Erasmus +.

Si tratta di un’ottima opportunità per richiamare l’attenzione dei giovani sulle condizioni che vivono le persone svantaggiate: promuovere la solidarietà, potenziare la consapevolezza interculturale, incoraggiare la partecipazione attiva dei giovani, conferire loro più responsabilità al fine di costruire una società migliore.

L’obiettivo del progetto è quello di fornire ai giovani i mezzi per accrescere le proprie capacità di leggere la complessità dei fenomeni, le problematiche globali e locali e quindi affrontare le numerose sfide che incontrano nel mondo globalizzato di oggi.

“I volontari – dichiara l’assessore alle politiche socio-sanitarie Stefania Mariantoni – hanno prestato servizio nell’ambito del progetto Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Comune di Rieti (titolare del progetto) e gestito dal Gruppo di volontariato “Il Samaritano” della Caritas diocesana di Rieti. Hanno avuto la possibilità di lavorare a stretto contatto con i richiedenti asilo e i rifugiati accolti nel progetto e l’opportunità di incontrarsi con persone provenienti da altre culture”.

In tal senso è stata realizzata anche una piccola raccolta di storie che è scaturita dall’incontro tra i volontari SVE e i rifugiati del progetto Sprar del Comune di Rieti.

About Emanuele Bompadre 8233 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.