Esercito a Napoli: brutta foglia di fico

maratonaples_140225

Le periferie napoletane, compresa quella dove vivo, sono in queste settimane presidiate dall’esercito. Giovani militari, armati fino al collo, sono per strada fissi a guardare lo scorrere delle automobili e dei passanti. Una militarizzazione del territorio che dovrebbe, nelle intenzioni dei mandanti, porre fine all’escalation di omicidi ed attività criminale che, purtroppo, rende problematico vivere all’ombra del Vesuvio.

12959580_10207311510319255_1619992378_oUn immobilismo militarizzato che in realtà, a mio parere, stupra il territorio e la dignità dei napoletani. Davvero i miei concittadini abbisognano di uomini in mimetica? Trovo questa scelta una dimostrazione fasulla della presenza dello stato, tant’è che si continua ad ammazzare e le strade sono ancora di dominio camorristico. I militari dell’esercito sono una grossa e brutta foglia di fico per coprire la vergognosa assenza dello stato sul territorio. Non di militari abbiamo bisogno, ma della cultura della legalità!

Se davvero si vuole porre fine al predominio camorristico che da decenni strozza le coscienze civili, lo stato iniziasse a potenziare le scuole. E’ da esse che si promuove la cultura del rispetto civico e del lavoro. Prolunghiamo gli orari scolastici fino al tardo pomeriggio; se si evita che un giovane gironzoli senza scopi per le strade, questo non cadrà mai nelle grinfie della criminalità, sempre più alla ricerca di manovalanza illecita per facili guadagni o polli da spennare con droghe e scommesse taroccate.

12970099_10207311510479259_152058698_oIl riscatto della mia periferia, di tutte le periferie, avviene anche con la presenza di un lavoro vero, retribuito dignitosamente, basato sulla meritocrazia, attraverso il quale l’individuo può esprimere al massimo le proprie qualità ed attitudini. Perché, inoltre, lo stato non garantisce l’uguaglianza delle persone di fronte alla legge e permette, invece, che ci siano cittadini ai quali tutto è permesso?

Come giornalista non smetterò mai di dare il mio contributo di moralità denunciando lo schifo quotidiano. Come cittadino, nonostante una classe politica composta da incapaci e corrotti, credo ancora in un domani diverso e migliore. Ci credo perché lo stato siamo noi, non dimentichiamolo!

Fonte foto copertina: esercitodifesa.it

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7661 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.