3 dicembre 2016

Calcio – Serie D, Albalonga, la perla “alla Cossu” di Pintori: “I nostri 50 punti pesano tantissimo”

Un sardo ha abbattuto l’Olbia. Una magia di Andrea Pintori a meno di cinque minuti dalla fine ha consentito all’Albalonga di battere la squadra di mister Mignani e accorciare nuovamente le distanze dal quinto posto occupato proprio dall’Olbia. Pintori è subentrato nel corso della ripresa e ha deciso il match con un perfetto calcio di punizione che ha sorpreso il portiere dell’Olbia, il tutto proprio sotto gli occhi di Andrea Cossu, l’ex trequartista del Cagliari da qualche mese in forza al club portuale. «Andrea è un amico da tanti anni – spiega Pintori -, abbiamo fatto il settore giovanile proprio con la maglia dell’Olbia passando moltissimo tempo insieme. Ora ha voluto fare una scelta di vita approdando in serie D, è un grande giocatore e uno splendido professionista. Il mio gol? Da ex dell’Olbia, dove ho lasciato tanti amici, mi è dispiaciuto di non aver potuto giocare dall’inizio (Pintori è reduce da debilitazione influenzale, ndr), ma alla fine è andata bene così». Un gol da tre punti. «La squadra ha fatto una prestazione importante contro un avversario molto forte e nonostante più di qualcuno dei nostri non fosse al meglio della condizione» rimarca Pintori che poi sottolinea il dato statistico dei punti conquistati dal club del presidente Bruno Camerini al suo primo anno di serie D dopo la parentesi di sette stagioni in Eccellenza. «Siamo arrivati a 50 punti e ci sono ancora quattro partite da giocare: credo che in pochi se lo sarebbero aspettato. Abbiamo fatto un campionato più che positivo e ora è inutile fare proclami sulle nostre speranze di play off: davanti ci sono squadre molto attrezzate e sarà dura, noi cercheremo semplicemente di dare il massimo». Per l’esterno offensivo classe 1980 nativo di Nuoro, che ha collezionato numerose stagioni tra i professionisti, è ancora presto per parlare di futuro. «Qui ad Albano ho trovato una società organizzata e un presidente che non ci ha mai fatto mancare nulla, a fine stagione decideremo assieme al club come comportarci. Ora sono concentrato sulle ultime quattro partite». La prima di queste, durissima, sarà a Rieti. «Pensavo che se la potessero giocare con la Viterbese fino all’ultimo per la promozione, ma nell’ultimo periodo hanno avuto un chiaro calo. Non ci aspettiamo, però, di trovare un avversario a terra anche se speriamo – conclude con una battuta Pintori – che il loro periodo poco felice continui anche domenica».