8 dicembre 2016

Mondiale Moto3: il 3570 Team italia alla prova del circuito di Austin

2016 3570 Team Italia during the 2016 Season of World Motorcycle Championship during Austin GP in Circuit of The Americas in Austin Texas USA © 2016 mirco lazzari mircolazzari@yahoo.it

Lorenzo Petrarca e Stefano Valtulini, alla loro prima esperienza sul tracciato del Circuit of the Americas, hanno trascorso la prima giornata di prove percorrendo molti chilometri per conoscere il circuito e trovare il giusto setting. I due turni di prove di venerdì sono serviti ad avvicinare, i portacolori del 3570 Team Italia, ai primi 20 migliori tempi.

La giornata di sabato dedicata alle qualifiche ufficiali e condizionata da un clima instabile, ha visto Lorenzo Petrarca conquistare, in un momento di pista asciutta, il venticinquesimo piazzamento con il tempo di 2’22″794, mentre Philipp Öttl (KTM) realizzava la sua prima pole position in carriera con il tempo di 2’18″398 che gli ha regalato la prima posizione in griglia.

Qualifiche complicate per Stefano Valtulini che ha dovuto accontentarsi del ventottesimo tempo (2’23″495) a causa di una caduta senza conseguenze.

Dichiarazioni

Lorenzo Petrarca (3570 Team Italia – Mahindra MGP3O #77) 25°, 2’22″794

“La qualifica è andata abbastanza bene. C’era la possibilità di effettuare un solo giro e sono stato in grado di staccare un tempo che mi ha permesso di scalare posizioni in classifica. In vista di domani sono pronto a dare il massimo: l’obiettivo è di concludere positivamente questo mio primo fine settimana vissuto qui ad Austin”.

Stefano Valtulini (3570 Team Italia – Mahindra MGP3O #43) 28°, 2’23″495

“Sono dispiaciuto perchè sono finito a terra e, di conseguenza, mi ritrovo costretto a partire indietro. Pensando alla gara darò del mio meglio per recuperare posizioni e riscattarmi dopo questa giornata”.

Emanuele Ventura (3570 Team Italia – Team Manager)

“Una qualifica particolare, con un solo giro utile per ottenere il tempo prima della comparsa della pioggia. Lorenzo è riuscito a spiccare un riferimento degno di nota, ma sfortunatamente domani dovrà partire una fila più dietro complice la penalizzazione subita in Argentina. Regna in ogni caso la soddisfazione per il trend in crescita e la possibilità di disputare una gara convincente. Quanto a Stefano, non si è certamente risparmiato: quando si stava migliorando è finito a terra, ritrovandosi impossibilitato a scalare posizioni in graduatoria. Peccato, ma non gli mancherà la giusta convinzione per rifarsi domani ed attaccare sin dalle prime fasi di gara”.