3 dicembre 2016

Nettuno – Conversi, Città Futura: “Il Borgo Medievale ormai è diventata terra di nessuno”

“Ennesimo episodio di violenza al Borgo Medioevale di Nettuno, in quella che oramai é divenuta terra di nessuno. – queste le affermazioni di Danilo Conversi, Presidente di Città Futura dopo l’accoltellamento della scorsa notte.  – Sono anni che è iniziato un irrefrenabile  degrado a cui né le amministrazioni comunali che si sono succedute né le autorità  competenti sono state in grado di porvi rimedio. Questa notte ennesimo accoltellamento e una persona operata di urgenza in ospedale.
Dobbiamo aspettare il morto per intervenire ? Possiamo ancora noi nettunesi subire passivi?
Quello che dovrebbe diventare il punto di incontro di interesse storico culturale sul nostro territorio è in realtà in mano a ” nessuno ” , quel nessuno che vive di alcool e di movida poco socialmente corretta. La farsa delle videocamere, dei raid occasionali delle forze dell’ordine non hanno minimamente contrastato il fenomeno che ormai ha assunto proporzioni dilaganti e ingestibili.
Anche perché diciamolo, tantissimi sono i figli della Nettuno bene che approfittano dell’unico svago che questa cittadina ormai offre.
La soluzione ?
Creare alternative , riportare l’artigianato e l’arte in tutte le sue forme all’interno del borgo. E non è impresa impossibile, noi di Città Futura sappiamo come fare.
Siamo stanchi di retrocedere e lasciare campo libero ai vandali alle droghe e alle risse da bar.
Il Borgo è Nettuno e deve tornare ai nettunesi tutti.”
“Le regole di prevenzione e quelle repressive ci sono. Basta applicarle! Eventi del genere sono assurdi! Intervenga il Prefetto! – tuona il candidato sindaco Giulio Verdolino – occorre, inoltre, regolarmentare le attività commerciali e stringere sull’attività di vigilanza.”