10 dicembre 2016

Registro Storico FMI, 200.000 moto iscritte

Il Registro Storico della Federazione Motociclistica Italiana ha raggiunto un importantissimo traguardo: 200.000 moto iscritte.

Nato alla fine degli anni ‘80 con l’obiettivo di conservare e salvaguardare il patrimonio motoristico, il Registro Storico FMI rappresenta un punto di riferimento per tutti gli appassionati e per le istituzioni e aziende che operano nel settore motoristico. Il Registro Storico raccoglie, attraverso una dettagliata documentazione fotografica, la storia della tecnica delle due ruote che parte dai primi modelli di motociclette dell’inizio del secolo scorso fino agli anni ‘80/’90, passando per il dopoguerra, il boom economico degli anni ‘50-‘60 e le innovazioni tecniche e di design delle prime giapponesi.

Un lavoro quotidiano portato avanti all’insegna della qualità e della soddisfazione delle migliaia di appassionati che, ogni anno, si rivolgono agli esaminatori del Registro Storico per iscrivere la propria moto.
Il Coordinatore del Registro Storico, Salvatore Pascucci, ha espresso la sua soddisfazione affermando: “Sono davvero orgoglioso di questo importante traguardo e ringrazio tutti i miei collaboratori e gli esaminatori che hanno contribuito a questo traguardo, impensabile fino a poco tempo fa. E’ il segno che i miei propositi di un Registro Storico FMI di grande qualità sono diventati concreti e reali”

A sugellare il successo raggiunto la consegna della targa numero 200.000 alla Moto Morini 175 Bialbero del 1959, un progetto antecedente all’arrivo in Morini del tecnico Nelio Biavati che però ebbe un ruolo fondamentale nel proseguirne lo sviluppo. Motocicletta guidata dal famoso pilota Attilio Damiani, vincitore di 5 titoli italiani in “Formula Due” negli anni 1959, 1960, 1961, 1962 e 1963. Poi finita in Francia nelle mani dell’ importatore Couturier ,distributore del marchio Morini in Francia, che la fece gareggiare affidandola al pilota Jan Pierre Beltoise.

Anche il Presidente FMI, Paolo Sesti ha espresso soddisfazione: “Questo risultato, insieme alla crescita del 25% per le iscrizioni al Registro Storico in questo inizio 2016, testimonia che le modifiche previste nelle procedure e l’introduzione del sistema di iscrizione on line sono state comprese ed apprezzate dal Settore Epoca. Il nostro Registro è un riferimento per la nostra storia e custode della nostra cultura motociclistica. Sicuramente troveremo un momento ed un luogo adatti per consegnare la targa numero 200.000 e celebrare degnamente questo importante risultato”.