6 dicembre 2016

Legittima difesa: una legge quasi inesistente

Ultimamente su diversi social sta circolando un messaggio che informa circa la possibilità di modifica della legge sulla legittima difesa della casa e dei beni, in questa proposta di legge sarà potenziata la tutela della persona che difende la propria casa, i propri beni ed i propri cari, in più verrebbe negato il diritto per il risarcimento delle eventuali lesioni causate al ladro o ai suoi eredi in caso di morte di quest’ultimo.

Il tutto nel nostro paese sta avvenendo nel 2016, per di più chiariamo che è una proposta di legge d’iniziativa popolare, per il quale servono 50.000 mila firme, secondo la nostra costituzione sempre all’avanguardia, per far si che arrivi in Parlamento, che venga analizzata dai gruppi parlamentari e da una commissione, poi votata da una camera che la passa all’altra e successivamente inviata al Presidente della Repubblica, li dopo 15 giorni diventa legge. Sempre che venga approvata.

Nel frattempo però come si sono mosse alcune parti del resto del mondo? Negli USA nemmeno a parlarne, ma rimanendo all’interno dell’Europa vediamo che in Germania l’eccesso di legittima difesa non è imputabile nemmeno se scaturito da paura e/o panico, in Olanda ci si può tutelare contro le aggressioni ma anche là non si è imputabili per eccesso di legittima difesa e persino nella “cattolicissima” Spagna è possibile difendersi da una qualsiasi intrusione indebita.

Noi no. Noi ancora lasciamo che i nostri connazionali vengano imputati perché hanno sparato, e magari ucciso, il ladro che è entrato nella loro gioielleria o nel loro bar, lasciamo vengano imputati per omicidio volontario o per eccesso di legittima difesa.

Ques’ultima è regolata dall’ articolo 52 del codice penale, che recita:

La legittima difesa. Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa.

Nei casi previsti dall’articolo 614, primo e secondo comma (violazione di domicilio), sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:

a) la propria o la altrui incolumità

b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione.

La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale.

Questa è la nostra legge, ma viene davvero applicata? Nel 2006 abbia avuto una riforma, ma non siamo ancora alla pari con il resto dell’Europa, di questa recente iniziativa popolare non ne sta parlando praticamente nessuno. E di che parliamo noi? A noi piace parlare di accoglienza e migranti, sicuramente temi importanti ed attuali, ma vogliamo tutelare anche noi italiani ogni tanto?