5 dicembre 2016

Roma – Pignorati i conti correnti Ater per mancati pagamenti ICI e IMU

“Abbiamo appreso la notizia che Equitalia, per conto del Comune di Roma, ha proceduto al pignoramento dei conti correnti dell’Ater a causa dei mancati pagamenti di ICI negli anni passati e IMU.
La questione vera e non risolta, se non a vantaggio della speculazione,  è che gli Ater, Aler o comunque denominati in Italia  dovevano pagare l’ICI e oggi l’IMU,  quando ai costruttori dell’invenduto, ovvero a chi ha cementificato il territorio con la realizzazione di immobili senza mercato al solo scopo speculativo, a Roma  fin dai tempi di Veltroni sindaco e oggi a livello nazionale con la legge di stabilità del Governo Letta, è stata azzerata l’ICI e l’IMU.
Noi lo diciamo da anni.
Gli Ater e le aziende di edilizia residenziale pubblica non devono pagare l’IMU non è difficile da capire il perchè.
Che il Parlamento metta fine a questa stupida idea di far pagare prima l’ICI e oggi l’IMU agli Ater trattandoli da costruttori e immobiliaristi anzi peggio visto che questi non devono pagarla.
Spetta al Parlamento intervenire su una questione che riguarda la gestione di circa 800.000 alloggi e solo a Roma riguarda 50.000 alloggi.
E’ grottesco che case di edilizia residenziale pubblica del comune di Roma assegnate esattamente con i meccanismi delle assegnazioni di case Ater e con un canone determinato dalla stessa legge, le prime, le case comunali, non paghino l’ICI prima e oggi l’IMU mentre l’Ater si.
Dove sta la coerenza o si vuole procedere allo smantellamento dell’edilizia residenziale pubblica a Roma e in Italia?
I candidati a sindaco hanno nulla da dire?”

Massimo Pasquini, segretario nazionale unione inquilini