6 dicembre 2016

Capena – A.N.E.D: ”Verso una soluzione la vicenda della dialisi”

Bentivoglio (Bologna), 11/11/2011. Ospedale di Bentivoglio. Inaugurazione del nuovo Centro dialisi. Partecipano: Sergio Stefoni, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Università degli studi di Bologna. Giuliano Barigazzi, Assessore alla Sanità della Provincia di Bologna, Vladimiro Longhi, Sindaco di Bentivoglio, Mario Lavecchia, Direttore del Distretto Pianura Est della Azienda Usl di Bologna, Francesco Ripa di Meana, Direttore generale della Azienda Usl di Bologna, Lina Poggi, Presidente del Comitato Consultivo Misto del Distretto Pianura Est della Azienda Usl di Bologna, Pierluigi Sansoni, Presidente dell’A.N.E.D., Associazione Nazionale Emodializzati-Dialisi e Trapianto, Franco Brizzi, Presidente dell’A.N.T.R., Associazione Nazionale Trapiantati di Rene. ARCHIVIO AUSL BOLOGNA - foto di Paolo Righi/Meridiana Immagini

“Si avvia finalmente alla soluzione la vicenda della Unità Decentrata Dialisi di Capena la cui riapertura è molto attesa dalle persone che erano in dialisi nella struttura.

L’A.N.E.D. nutre buone speranze in tal senso, dopo l’incontro  avuto giorni fa, con il Direttore Generale della ASL ROMA 4  dott. Giuseppe Quintavalle, il Direttore Sanitario Aziendale dott. Lauro Sciannamea e il Direttore della UOC Nefrologia e Dialisi dell’ospedale S. Paolo di Civitavecchia , responsabile della U.D.D. in questione, dott. Moreno Malaguti.

Documenti alla mano, la Direzione Aziendale ci ha informato  di aver ricevuto dalla Regione il parere positivo al preventivo di spesa presentato per i lavori della messa a norma e ristrutturazione della struttura di Capena. Ci è stato inoltre comunicato che i lavori di edilizia, applicando la giusta procedura, inizieranno a breve. Resta l’attivazione dell’iter per il reclutamento del personale tutto, indispensabile per poter aprire i due turni nei giorni pari e dispari. Vediamo necessario, per non allungare ulteriormente i tempi, che le due procedure camminino di pari passo. La Regione, sentita in tal senso, si è impegnata a stabilire, quanto prima, la pianta organica necessaria.”

“L’ aspetto positivo  è dato dal fatto che avremo una U.D.D. pubblica, strutturalmente e professionalmente qualificata, garantendo tutti i posti dialisi meno uno, sacrificato agli spazi chiesti dalla ristrutturazione; quello che purtroppo non diminuisce è il disagio subito in tutti questi mesi dalle persone in dialisi presso il Centro di Capena tanto che diversi pazienti si sono visti costretti ad andare a dializzare nel Centro privato di Fiano Romano.”

“Ai malati cronici che rappresentano una parte  fragile della nostra società, il ritardo nel giungere ad una soluzione della vicenda, lascia l’amarezza di dover sempre constatare e subire sulla propria pelle, l’assenza di una autentica semplificazione dell’amministrazione pubblica, la sola in grado di coniugare qualità di vita dei cittadini e riduzione della spesa pubblica. “