8 dicembre 2016

Per non dimenticare: la Giornata Mondiale della Memoria

Il 7 aprile di venti anni fa, giorno di Pasqua del 1996, il professore e psicologo aostano  compì il gesto estremo di togliersi la vita dinnanzi al Tribunale di Aosta come protesta contro la sentenza emessa da un giudice chiamato a decidere sulla sua separazione. Fu il suo modo di ribellarsi contro chi gli aveva negato il diritto di essere padre e protestare contro le istituzioni locali che non lo avevano appoggiato nella sua battaglia per il riconoscimento dei diritti-doveri di genitore.

In sua memoria e soprattutto in memoria di tutti i genitori separati suicidi (93% padri)  per il dolore di essere stati privati dei figli (oltre 100 casi all’anno solo in Italia, fonte FENBI, 2000 in Europa), nel 2006 l’Associazione Figli Negati instituì il World Memorial Day (Giornata Mondiale della Memoria), da celebrarsi annualmente il 7 aprile.

Il gesto di Sonatore aveva per la prima volta richiamato l’attenzione dell’opinione pubblica su un dramma per troppo tempo trascurato. Venti anni da quell’estrema richiesta di attenzione non sono bastate per aiutare chi vive nella disperazione per la negazione di pari opportunità genitoriali ed è colpito da sentenze discrezionali e penalizzanti.

Tralasciando per un attimo le condizioni di indigenza in cui vivono la maggior parte dei separati (800000 padri nei ricoveri per poveri secondo la CARITAS), poco o nulla si è fatto per risolvere o quantomeno attenuare l’alienazione genitoriale, vera emergenza sociale. Il primo riferimento va alle istituzioni, incapaci di tutelare i diritti della parte debole (i figli ed i papà), ma si può estendere alla intera società, intesa come istituzioni cittadine, famiglie ed amici di chi versa nel disagio ed è vittima di alienazione genitoriale. Non meno corresponsabile è la stampa, che si limita a riportare gli accadimenti che quasi quotidianamente popolano la cronaca nera ma raramente rivolge le sua attenzioni ad indagare le ragioni di tali gesti estremi che ricadono nella violenza di genere.

Che il 7 aprile sia un giorno per non dimenticare, un giorno di riflessione per un nuovo inizio affinché certe cose un giorno non accadano più. Per non essere complici consapevoli di questo scempio. E per non dimenticare, bisogna ricordare.