4 dicembre 2016

Panama Papers, Zanetti: “Se un politico fosse nella lista dovrebbe sparire dalla circolazione se ha una dignità”

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 08-02-2015 Roma Politica Congresso Scelta Civica Nella foto Enrico ZanettiPhoto Roberto Monaldo / LaPresse 08-02-2015 Rome (Italy) Congress of Scelta Civica party In the photo Enrico Zanetti

 

Il viceministro dell’Economia Enrico Zanetti è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito allo scandalo Panama Papers. “Ora l’agenzia delle entrate sta lavorando per acquisire dati che non determineranno automaticamente lo status di evasore –ha affermato Zanetti-. E’ chiaro che una discreta fetta di quelli che sono a Panama sono lì per nascondere i loro averi. Bisogna vedere quanti hanno aderito alla volontary disclosure per farli emergere, mentre gli altri saranno perseguiti. Per il resto, il nostro governo in questi due anni ha già fatto molto per la lotta contro gli evasori fiscali. Panama stessa vede in corso la ratifica della convenzione che farà fare qualche passo avanti verso la trasparenza. E’ impossibile sradicare totalmente questo fenomeno finchè esistono Paesi canaglia, ma il nostro governo ha attuato norme per rendere sempre meno agevole l’evasione fiscale. Purtroppo non c’è un modo per renderla impossibile, al netto di prendere i Parà e invadere il paradiso fiscale di turno l’unica cosa che puoi fare è restringere gli spazi. Se nel frattempo si verificano situazioni come questa di fughe di notizie che danno una mano agli investigatori, è giusto che se ne impossessino e utilizzino questi dati per indagare. Non è detto che tutti e 800 siano evasori. E’ possibile ritrovarsi con dei conti in quei paesi perché magari si va a fare business in quelle zone, è possibile che si allochino soldi lì per scelta, senza che ci sia a monte un’evasione. Trovare un automatismo sarebbe sbagliato, ma non è neanche pensabile dire che su 800 la stragrande maggioranza non abbia nulla da nascondere. Per questo, con l’obiettivo di far partire i controlli, quei dati vanno acquisiti e guardati con attenzione. Un politico trovato in quella lista è improbabile che rientri tra quelli che sono andati a fare legittimi affari in Centroamerica, in questo caso si parte diffidenti. Potrebbe esserci qualche caso specifico in cui un politico è in grado di spiegare, altrimenti se non è in grado di spiegare dovrebbe sparire dalla circolazione se ha una dignità”.

Sul bonus di 80 euro per le pensioni minime. “Se questa fosse una priorità sarebbe populismo e il populismo di governo non è assolutamente opportuno, ma non è una priorità –ha affermato Zanetti-. Per ora è solo un’ipotesi allo studio. E’ fondamentale come governo dire con chiarezza cosa si vuole fare, l’ordine delle priorità. Le priorità sono riduzione pressione fiscale su chi lavora e produce, clausole di salvaguardia, e flessibilità delle pensioni”.

In merito all’inchiesta sul petrolio. “Il ministro Guidi ha fatto qualcosa da conflitto di interessi quindi le dimissioni erano doverose –ha affermato Zanetti-. Sul fronte Boschi invece nn c’è nulla. Dire che era d’accordo nelle telefonate è normale, visto che è il ministro per le riforme che, dopo aver sentito tutte le parti, deve dire se ci sono le condizioni perché una riforma vada avanti o meno”.

Fonte: Radio Cusano Campus