2 dicembre 2016

Roma – Marchini: “Bertolaso? Una persona in grado di risolvere i problemi”

Alfio Marchini, candidato sindaco di Roma, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Marchini prosegue la sua corsa verso il Campidoglio: “Siamo nella lotta e nel lavoro, ci sono le possibilità per rimettere a posto questa città, ne sono convintissimo. La mia frase sui romani complici di Mafia Capitale? Volevo dire che è giunto il momento in cui si può ridare occupazione, lavoro e benessere senza il clientelismo. Siccome abbiamo un bilancio del comune che è sempre più rigido e sempre meno possibilità di espandere la spesa, anzi dovrà contrarla, l’unica prospettiva e occupazione è  ridare valore a questa città. Ci sono tante risorse. Il recupero dell’esistente, lo sviluppo tecnologico, la parte culturale, quella turistico alberghiera. Bisogna riconvertire l’industria edile consumo di suolo zero e recupero esistente. Si può creare occupazione e benessere tagliando il nodo che ha tenuto insieme il voto di scambio in questa città che ha consentito a dei piccoli gruppettini di creare quel sistema che poi è emerso in tutta la sua drammaticità nell’inchiesta mafia capitale”.

Marchini, poi, ha commentato i recenti sondaggi, che lo vedono in crescita: “Io conosco il pensiero della gente, la vedo, la incontro da tre anni. I romani sanno tutto quello che abbiamo fatto concretamente in questi tre anni. Abbiamo mandato a casa Marino, abbiamo fatto tante battaglie. Credo che i romani apprezzino la nostra fermezza nel batterci per i romani e per roma. Si rendono conto, si ricordano, distinguono tra chi promette cose aleatorie e chi in tre anni ha fatto parlare i fatti”.

Su Bertolaso: “Se accettasse di essere il mio numero 2 si potrebbe convergere? Io ho grande rispetto per tutti, lui ha detto di sì ad una coalizione ed oggi si trova in grande imbarazzo non certo per colpa sua. Se gli avessero detto dall’inizio che il quadro sarebbe stato questo non si sarebbe messo in questa situazione.. Che poi Bertolaso sia una persona con capacità di risolvere i problemi non c’è ombra di dubbio, la sua storia lo dimostra. Noi abbiamo comunque 130.000 romani che ci hanno votato e con loro abbiamo un debito d’onore. Le porte sono aperte a chiunque ami Roma e voglia veramente dare una spinta alla rinascita di questa città e per questo ringrazio Bertolaso per gli apprezzamenti che ha nei nostri confronti”.

Marchini, poi, rivela che lo scenario da qui al giorno del voto è destinato a cambiare: “Il quadro sicuramente cambierà, non rimarrà quello reale. Ma noi non ci stiamo occupando di alleanze, ci stiamo occupando di creare il massimo consenso per mettere in pratica quel piano industriale che abbiamo in mente e che può risollevare Roma, dalla sicurezza al trasporto pubblico. Siamo gli unici ad avere un programma chiaro che indica come e dove possiamo trovare le risorse per attuarlo”.

Da Marchini poi, una stoccata a Virginia Raggi: “Non ho nulla di personale contro la Raggi, ma io ho conosciuto i consiglieri comunali dei Cinque Stelle, ce ne era uno in Consiglio comunale che era il più bravo, il più serio e il più preparato. Evidentemente non era telegenico e l’hanno scartato per una comprensibile strategia di marketing. Sfatiamo questo mito per cui decidono i cittadini nei Cinque Stelle. Che la Raggi sarebbe stata la candidata a Roma era noto da mesi”

Fonte: Radio Cusano Campus