10 dicembre 2016

Legambiente lancia la sfida a Renzi ministro dello Sviluppo economico a interim: “Ministro faccia qualcosa di moderno”

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante la cerimonia inaugurale della Fiera del Levante a Bari, 13 settembre 2014. ANSA/LUCA TURI
Ecco i 3 provvedimenti da sbloccare subito perché il 50% di rinnovabili nella legislatura diventi realtà: Biometano, autoproduzione da fonti rinnovabili, decreto per le rinnovabili non fotovoltaiche. Così si rilanciano le fonti rinnovabili in Italia

“Prendiamo sul serio l’impegno di Matteo Renzi come ministro dello Sviluppo economico ad interim che vuole portare al 50% la produzione da fonti rinnovabili rispetto ai consumi elettrici entro la legislatura, e poiché siamo convinti che ciò sia realizzabile, vogliamo contribuire concretamente con le nostre proposte: biometano, autoproduzione da fonti rinnovabili, decreto per le rinnovabili non elettriche. Ecco i provvedimenti da approvare nel prossimo Consiglio dei Ministri per evitare che questa promessa non risulti come l’ennesimo tentativo di far fallire il referendum del 17 Aprile”.  Così Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente, è intervenuto per rispondere alla dichiarazione del Presidente del Consiglio sulle rinnovabili in Italia.

L’impegno preso ieri da Renzi nello scambio avuto con i cittadini tramite social network è una buona notizia perché rappresenta il primo chiaro impegno a favore delle rinnovabili, preso, evidentemente, grazie al dibattito in corso sul referendum sulle trivelle. Fino ad ieri, infatti, nei 26 mesi del suo governo, la realtà è stata un’altra: i numeri delle installazioni di fonti rinnovabili raccontano proprio un vero e proprio tracollo delle installazioni, passate dagli oltre 11mila MW nel 2011 ai 300 circa del 2015.

Legambiente propone al Presidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico ad interim, di intervenire con provvedimenti mirati a superare le barriere che oggi impediscono lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Il primo dovrebbe far saltare il divieto di immissione alla rete Snam del biometano come alternativa al gas estratto nelle nostre coste. Una scelta quindi direttamente legata al tema oggetto del Referendum. Il secondo intervento normativo dovrebbe liberare l’autoproduzione da fonti rinnovabili e la produzione e distribuzione locale, da barriere e tasse che oggi impediscono investimenti che sarebbero a costo zero per lo Stato. Infine, occorre approvare subito il Decreto di incentivo per le rinnovabili non fotovoltaiche, perché da due anni gli investimenti sono bloccati, modificando però la bozza presentata dal Ministro Guidi, che prevedeva di premiare impianti non rinnovabili, come le mega centrali a biomasse e gli inceneritori, invece dell’eolico e delle altre vere rinnovabili integrate nei territori.

Segue il dettaglio delle proposte di Legambiente

Le 3 proposte:

1.Cancellare il divieto di immissione nella rete Snam del biometano.

L’alternativa rinnovabile al gas estratto nei nostri mari esiste, ha maggiori potenzialità e crea più posti di lavoro. E’ il biometano, che si può ottenere dalla digestione anaerobica di rifiuti urbani e industriali, di biomasse e scarti agricoli, con vantaggi rilevanti nei territori, sia in termini economici che occupazionali, che di risoluzione dei problemi di smaltimento dei rifiuti. Basterebbe poterlo immettere nelle rete Snam. Processo ad oggi impedito dall’opposizione dei grandi gruppi del gas. Eppure, il suo potenziale è pari a oltre 8miliardi di metri cubi, ossia il 13% del fabbisogno nazionale e oltre quattro volte la quantità di gas estratta nelle piattaforme entro le 12 miglia oggetto del referendum. Conveniente anche in termini occupazionali: rispetto ai 3mila occupati nelle piattaforme nelle 12 miglia, si potrebbero arrivare a oltre 12mila occupati stabili e con opportunità maggiori al Sud‎ e nelle aree agricole.

2.Eliminare barriere e tasse per l’autoproduzione da fonti rinnovabili

In Italia oggi è possibile installare impianti da fonti rinnovabili senza spese per lo Stato o incentivi perché la riduzione dei costi delle tecnologie e le innovazioni nella gestione degli impianti, hanno reso competitiva la prospettiva dell’autoproduzione da parte di famiglie e imprese, come la produzione e distribuzione locale. Ma l’installazione è fortemente penalizzata dalla tassa sull’autoconsumo e dalla riforma delle bollette (introdotte proprio dal Governo Renzi), mentre la produzione e distribuzione locale dell’energia prodotta da fonti rinnovabili è vietata persino all’interno di un condominio o di un distretto produttivo. “Chiediamo al Presidente del Consiglio di presentare al prossimo Consiglio dei Ministri un decreto per sbloccare questa situazione, eliminando barriere che risultano oggi anacronistiche e contro l’interesse generale”, ha dichiarato Zanchini, aggiungendo che Legambiente presenterà le sue proposte per l’autoproduzione in una iniziativa pubblica il prossimo 14 Aprile a Roma, rendendosi disponibile per un confronto da subito.

3.Approvare subito il Decreto sulle rinnovabili non fotovoltaiche

Il nuovo ministro ad interim dello Sviluppo economico può sbloccare gli investimenti nell’eolico, nelle biomasse e nel mini idroelettrico che sono fermi per colpa dei ritardi nell’approvazione di un Decreto che continua a subire rinvii. Rinvii gravissimi perché il provvedimento può finanziare investimenti realizzati solo fino a dicembre 2016 (per le direttive europee che prevedono di cambiare sistema di incentivo a partire dal 2017).

Per evitare una nuova beffa alle rinnovabili però, serve un intervento immediato da parte del ministro Renzi, per modificare la bozza di Decreto elaborata dall’ex ministro Guidi che prevedeva generosi incentivi per mega centrali a biomasse e inceneritori, impianti evidentemente non rinnovabili, penalizzando invece le vere rinnovabili e in particolare quelli di piccola taglia.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.