5 dicembre 2016

La sanità è malata di corruzione

Oggi si tiene la prima Giornata nazionale contro la corruzione in Sanità, una iniziativa che serve ad accendere un riflettore su una delle aree di spesa pubblica più esposta al fenomeno corruttivo.
Ad illustrare dati e criticità un report pubblicato dai partner Transparency International Italia, Censis,ISPE Sanità e Rissc – Centro ricerche e studi su sicurezza e criminalità, dal quale emerge chiaramente come almeno un miliardo di euro l’anno vada bruciato in capitoli di spesa non direttamente legate alle cure.
Una cifra enorme, sottratta alle spese per le cure, che legata alle rilevazioni sul del fenomeno della corruzione all’interno delle aziende sanitarie locali ed ospedaliere (in una su tre si sono verificati episodi di questa natura), dimostra come affrontare con efficacia questo problema possa evitare il ricorso ai cosiddetti tagli lineari, che fanno pagare a tutti inefficienze e indebiti vantaggi di pochi.

La sanità è evidentemente uno dei pochi settori verso il quale, nonostante la crisi economica, sono continuati ad affluire capitali significativi, spesso dirottati in tasche private, attraverso distorsioni nei sistemi di appalto e nella realizzazione di grandi infrastrutture.
A questo fenomeno – sul quale lo stesso presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Cantone, ha sottolineato l’insufficienza di interventi repressivi a posteriori – non è stato opposto un sistema di controlli realmente efficace, privilegiando la strada dei tagli lineari alla sanità che si traducono in minori servizi per tutti.

La legge 190/2012 ha introdotto l’obbligo di stilare piani anticorruzione nelle pubbliche amministrazioni. Dall’esame di questi piani nel sistema sanitario è emerso come nel 40% dei casi tali piani siano dei semplici adempimenti formali, privi di alcuna efficacia concreta.

A tutti noi, cittadini, medici ed operatori sanitari, comitati di cittadini e forze politiche spetta il compito di vigilare attivamente su episodi di corruzione e di esigere con maggiore decisione trasparenza nelle attività di gestione della sanità, sopratutto in occasioni di processi di riorganizzazione e di grandi investimenti infrastrutturali, per loro natura maggiormente a rischio.
La sanità è una delle forme più importanti di welfare universale che può vantare l’Italia rispetto ad altre esperienze. La sua natura pubblica ed universale è stata frutto di una scelta di civiltà, alla quale si è dato rango costituzionale. Non possiamo permettere che questo patrimonio si perda in rivoli oscuri.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.