8 dicembre 2016

Frosinone – Inaugurata la biblioteca del Maccari

È stata inaugurata ieri pomeriggio la biblioteca del liceo Maccari di Frosinone. Grazie ad un protocollo d’intesa con il Comune, firmato nel gennaio 2015 dal sindaco Nicola Ottaviani e dalla dirigente scolastica dell’IIS Norberto Turriziani e del liceo delle scienze umane Erminia Gnagni, i circa 7.000 volumi dell’istituto, di cui alcuni antichi e rari, saranno fruibili (anche se il lavoro è ancora in corso) online perché inseriti nel circuito nazionale delle biblioteche italiane. Struttura destinata a diventare un nuovo, prezioso elemento del patrimonio culturale del capoluogo, la biblioteca è stata realizzata anche grazie al progetto di alternanza scuola – lavoro, che ha visto la collaborazione degli studenti con l’amministrazione comunale. Presenti all’evento la dirigente  Erminia Gnagni, il sindaco Ottaviani, il vicepresidente della Provincia Andrea Amata, la professoressa Virginia Cirillo, responsabile del progetto biblioteca del liceo Maccari, il dott. Angelo D’Agostini,  responsabile della biblioteca comunale, il prof. Marcello Carlino, docente universitario e già presidente del Conservatorio Licinio Refice, che ha illustrato le opere dei fratelli Maccari.

Mi auguro che la biblioteca – ha dichiarato la professoressa  Gnagni – diventi un punto di riferimento importante, dal punto di vista culturale, per Frosinone, anche attraverso l’apertura pomeridiana della struttura. Sono inoltre convinta che possa dare una spinta in più al rilancio della parte antica della città. Ringrazio il sindaco Nicola Ottaviani per l’impulso culturale conferito al centro storico e alle scuole superiori del capoluogo.

I libri – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani – costituiscono il patrimonio culturale e la pietra angolare più solida non soltanto per i giovani studenti, ma per tutti gli amanti della conoscenza, nell’intero arco della vita, perché danno la possibilità di entrare nell’ignoto da scoprire: con il libro si varcano le colonne di Ercole e si diventa “padroni” del proprio presente e del proprio futuro. Per questo, la nuova biblioteca dell’istituto Maccari riveste un ruolo fondamentale per il capoluogo. Il centro storico di Frosinone sta diventando il riferimento culturale non soltanto per la città, ma per l’intera provincia e per tutto il Lazio. Lo dimostra il successo della nostra stagione teatrale, la localizzazione dell’Accademia di Belle Arti a palazzo Tiravanti (cosa che ha evitato di farla “traslocare” dalla città), e, non ultimo, il grande riscontro ottenuto dal nostro  festival dei Conservatori, apprezzato oltre i confini italiani, tanto che quest’anno avrà anche una sezione internazionale, alla quale prenderanno parte i 10 Conservatori di musica più importanti d’Europa. Tra pochi giorni, sempre nella parte alta della città, apriremo inoltre la casa della cultura nella sede dell’ex mattatoio. Il tutto, senza investire ingenti capitali, perché pochi soldi, spesi bene, sono spesso sufficienti. È sempre fondamentale per la pubblica amministrazione investire sulla cultura, perché può comportare grandi ritorni strutturali e di crescita collettiva nel medio e lungo periodo.

Frosinone, 06/04/2016

About Samantha Lombardi 4028 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it