5 dicembre 2016

#AmericasGP, gomme e accelerazione faranno la differenza

Dopo il difficile fine settimana in Argentina il Campionato del Mondo MotoGP™ arriva negli Stati Uniti per il suo terzo appuntamento della stagione e il Red Bull Grand Prix of the Americas partirà tra poche ore ad Austin, in Texas.

Presenti alla conferenza stampa che apre ogni fine settimana di competizioni, il nuovo leader della classifica di campionato e portacolori Repsol Honda Marc Marquez, Valentino Rossi e il compagno di scuderia Movistar Yamaha e campione del mondo MotoGP™ Jorge Lorenzo, Eugene Laverty del team Aspar MotoGP, Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, e Andrea Iannone, Ducati Team. I sei piloti hanno parlato di particolari tecnici come gomme e l’accelerazione, due fattori fondamentali per essere competitivi sul tracciato di Austin.

Il nuovo leader della classifica iridata: “Mi sono sempre trovato bene su questa pista”, ha detto Marquez. “Anche se il precampionato è stato difficile ora tutto è passato. Spero che sul COTA la moto vada bene come in Argentina, con gomme ed elettronica. L’anno scorso scorsi ho dimostrato che qui posso fare bene, sono positivo. Ci manca un po’ di velocità e spinta soprattutto tra la quinta e la sesta marcia, qui serve accelerazione e stiamo lavorando per preparaci al meglio”.

Valentino Rossi in Argentina ha conquistato il suo secondo podio e ora è secondo in classifica generale. “Un circuito complicato per Yamaha questo, molto lungo e tecnico”, ha commentato l’italiano che l’anno scorso è salito sul podio ad Austin. “Dobbiamo capire come funzionano le Michelin qui. A Losail ho fatto una bella gara mentre in Argentina ho accusato qualche difficoltà soprattutto con la seconda moto. Questa pista è un po’ una incognita, dobbiamo lavorare tanto”.

Lorenzo è partito alla difesa del suo titolo mondiale in modo eccellente a Losail cedendo però il passo in Sud America a causa di una caduta. Il maiorchino, che ora è a 16 punti dal numero 93 HRC, ha commentato: “Una gara difficile in Argentina, qui non sarà facile per la M1. Credo che con l’impegno possiamo fare bene”. Lorenzo da più parti è stato interpellato sul suo futuro e su Ducati, è la notizia che tiene banco ora e che vede il penta campione sulla strada di Borgo Panigale. A domanda Lorenzo ha risposto: “Come ho specificato in Argentina non voglio rispondere sul mio futuro, parlerò poi”.

Laverty domenica scorsa ha firmato il quarto posto in Argentina, suo miglior risultato in un GP fino ad ora e miglior pilota satellite sul tracciato sudamericano de Rio Hondo; un risultato atteso per il coraggioso pilota irlandese che punta a stare regolarmente nei miglior dieci. “Una gara difficile in Argentina”, ha dichiarato il numero 50. “A Termas è stata la prima volta che ho guidato la GP14.2 in modo corretto. Ma stiamo cercando ancora l’assetto base, abbiamo fatto qualche progresso sull’anteriore e abbiamo bisogno di continuare a lavorare a questo”.

In Argentina Maverick Viñales è stato vittima di una caduta quando era in lotta per la terza posizione ma la prova di domenica scorsa gli è servita per aver ulteriore conferma delle sue potenzialità in sella alla GSX-RR; il pilota catalano ha dichiarato: “Austin è una buona pista. Mi piace molto ed è adatta al mio stile di guida. L’anno scorso è stato difficile, era la seconda gara nel mio anno d’esordio nella classe regina. Sono abbastanza fiducioso per questo GP e di sicuro lavoreremo duro per cercare di ripetere quanto fatto in Argentina”.

Iannone ha fatto una gara spettacolare a Termas de Río Hondo, ma, con il traguardo in vista ha buttato via il risultato e i punti fondamentali per il campionato con una caduta che ha coinvolto anche il compagno di box Andrea Dovizioso. “Un brutto inizio di stagione ma sto cercando di guardare avanti”, ha detto il portacolori Ducati.  “La situazione in Argentina era difficile per tutti e non volevo attaccare la seconda posizione era molto importante arrivare a podio dopo la prima gara. Avevo Rossi vicino e poteva passarmi all’ultima curva, volevo rimanere nella parte interna della curva per chiudergli la traiettoria ma ho toccato una parte di posta sporca e sono caduto. Si sicuro vogliamo migliorare da questo GP”, il pilota di Vasto il giorno prima della conferenza stampa ha vistato la base spaziale di Houston. “Incredibile la giornata alla NASA di ieri, una grande esperienza”.

I piloti si sono dichiarati mediamente contenti della procedura recentemente provata in Argentina del flag-to-flag e alle domande dei giornalisti in merito ad un abbassamento di limite di velocità durante il passaggio per la pit-lane alla luce di quello che è successo in Argentina quando Stefan Bradl ha investito con la sua Aprilia un suo meccanico; tutti i piloti si sono dichiarati certi che qualche modifica potrebbe rendere ancora più sicura la corsia dei box che ma che, come in ogni sport motoristico, resterebbe comunque un luogo rischioso.

Tutto è pronto per il Red Bull Grand Prix of the Americas, il GP in Texas inizierà venerdì alle 9:00 locali (GMT -5) con la prima sessione di prove libere per la categoria Moto3™.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.