Regione Lazio – ATER, Santori, FDI-AN: “Riforma bloccata per favorire i sindacati”

“Cercasi disperatamente notizie della riforma delle Ater, sbandierata dal presidente Zingaretti come una vera e propria rivoluzione e scomparsa dall’ordine del giorno della commissione Casa, nonché del Consiglio regionale”. E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia, Fabrizio Santori, secondo il quale “Zingaretti ha annunciato la riforma, ha incassato qualche articolo di giornale facendo credere di aver tagliato le spese di alcuni milioni  di euro, ma in realtà non è cambiato nulla rispetto al passato”.

“Anzi – aggiunge Santori – qualcosa è cambiato, ma in peggio. Sì, perché le scelte di Zingaretti per i vertici delle Ater di Roma e provincia si sono rivelate drammaticamente sbagliate. Lo conferma quel che sta avvenendo all’Ater di Roma, dove il direttore generale, tal Mazzeo, veneto che di Roma sa ben poco ma che in politica ci vede lungo,  sembrerebbe infatti da settimane sceso in campo per partecipare agli incontri di partito di Sel. Così assistiamo a scene imbarazzanti, come quella di un direttore generale dell’Ater che partecipa ad assemblee dell’Unione inquilini, un sindacato da sempre contrario alla vendita degli appartamenti agli inquilini perché se gli inquilini si trasformassero in proprietari il sindacato perderebbe i tre euro a iscritto. Infatti in quelle assemblee fa tutto fuorché parlare di materie attinenti al ruolo di direttore generale di un’Ater.

“Mazzeo – spiega Santori – ha rassicurato l’Unione inquilini: non ci saranno vendite. E bisogna crederci, visto che il direttore generale ha di fatto paralizzato l’Azienda anche sotto questo punto di vista. Addirittura sono bloccate le vendite già pronte dal notaio. Ecco, questa è la sinistra di governo: comunicati, chiacchiere e “marchette” ai sindacati. Mentre i cittadini, soprattutto quelli delle fasce più deboli, hanno sempre meno diritti”.

loading...
loading...