3 dicembre 2016

La Bolivia punta sulle rinnovabili: 10 impianti entro il 2017

Il governo di La Paz ha annunciato i prossimi progetti per espandere lo sfruttamento delle rinnovabili, in linea con il Piano di sviuppo economico e sociale 2016-2020, che punta a raggiungere i 451 MW di energia attraverso centrali eoliche, solari, geotermiche e a biomassa. Entro il 2017 vedranno la luce dieci impianti di produzione di energia alternativa, che consentiranno di aggiungere tra i 53,3 e i 210 MW di potenza alla produzione del Sistema interconectado nacional (Sin), la rete di impianti per la fornitura elettrica che gia’ soddisfa oltre l’80% del fabbisgno nazionale. I progetti saranno realizzati dall’Ende, l’Empresa nacional de l’elecricidad (Impresa nazionale per l’elettricita’, ndr), come riferiscono fonti di stampa boliviana. Tra questi molto importante e’ quello di Yunchara’, nel distretto meridionale di Tarija, che ospitera’ una centrale per lo sfruttamento dell’energia solare della capacita’ di 5 MW. Un altro e’ quello di Riberalta-Guayaramerin, di 8,3 MW. Entrambi saranno conclusi entro la fine del 2016, tuttavia presentano un problema: non esiste ancora una stima esatta dei costi, ancora in corso di definizione. Altri due stabilimenti per il fotovoltaico saranno invece realizzati entro il 2017 a Oruro e Uyuni – nella Bolivia sud-occidentale – rispettivamente da 50 e 60 MW di potenza. Oruro costera’ 662,6 milioni di boliviani – circa 84 milioni di euro – mentre il secondo 584,6 – equivalente in euro a poco piu’ di 74 milioni. Quattro impianti eolici – i cui progetti sono ancora in fase di elaborazione – saranno costruiti invece tra Santa Cruz e Tarija, per un investimento che oscillera’ tra i 40 e i 60 milioni di euro.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.