10 dicembre 2016

Mariangela D’Abbraccio, il talento della “Parthenophe”,sirena del golfo di Napoli

 

 

Caldissima mattinata di primavera. Non v’è il mare ma la brezza giunge. L’odore del caffè, dei croissantIl vociare della strada, del vicolo. Comuni città e così diverse, la Napoli del golfo e la Roma, che il mare vede da lontano. Fasti diversi. Mitologie appannate in vecchie fotografie.  Il sudore della scena lascia posto allo sbuffante lamentio e laborioso  della gente comune.

Incontriamo Mariangela  D’Abbraccio, sorridente come sempre, protagonista dello spettacolo “Teresa la ladra” (andato in scena al Teatro Vittoria dal 29 Marzo al 3 Aprile).

Salve come va ?

Bene, grazie.

Un piacere enorme. Ci racconti del debutto con il  maestro De Filippo.

Debutto anche un po’ casuale, andavo all’università a seguire le sue lezioni. ”Lei  è un ‘attrice” mi chiese il maestro “venga domani a casa di mio figlio”. Dopo due giorni ero in  una grande compagnia, fu una sostituzione al volo, fulminea, un grazie, un grande regalo. Gli ultimi due anni della sua vita ero una ragazzina ho un ricordo molto bello. Appena  arrivava  lui  la compagnia era sull’ attenti: insomma era il direttore, c’era molto rigore, quello di una scuola di un tempo. Lui era intransigente molto attento, ma con me era protettivo, avvolgente,  mi aveva scelta.

Cosa direbbe ad un giovane attore/attrice che inizia a fare questa professione?

Oggi è molto difficile e diverso, intanto direi  di prepararsi, perché più si hanno strumenti, più si  ha la conoscenza di se stesso; incontrare un maestro o un gruppo di lavoro, un compagno, con  i quali dividere l’esperienza di teatro, qualcuno che ti aiuta a conoscerti a sapere chi sei sul palcoscenico. Molta tenacia e passione, andare controcorrente e farsi una preparazione solida. I  ragazzi sono molto spinti a lasciare lo studio teatrale e andare in televisione: è diventata una contropreparazione, prima fare  cinema, poi teatro, è innaturale! Prima ti fai le ossa qui a teatro, poi vai a fare esperienze altrove e magari decidi di non tornare mai più a teatro. C ‘è  quasi l’obbligo di fare un giro inverso, le  formazioni  sono molto deboli rispetto al passato, non è che i giovani  vogliano prepararsi male, ma il sistema li spinge. Il sistema, bisogna andarci contro.

Lei ha lavorato con i più grandi registi, un lavoro che ha amato, anche se li avrà amati tutti perché si vede il suo  amour fou .

Esperienze diverse:  chiaramente io ricordo dei grande incontri per me come, a parte  Edoardo, Albertazzi, Patroni Griffi che mi ha dato un grande ruolo nella “figliastra”, per il  quale ho avuto riconoscimenti importanti; non posso non ricordare Francesco Rosi che mi ha dato la possibilità di fare un grande ruolo eduardiano in ”Napoli milionaria”: questi sono grandi incontri, grandi possibilità di fare esperienze fuori della norma,  eventi teatrali come con Napoli milionaria   quando debuttai al  Teatro San Carlo, cose che non si fanno tutti i giorni. Poi però ci sono altri progetti che partono da me e   Francesco Tavassi , il  regista appunto di Teresa la  Ladra  e di tante altre mie cose, molto ben riuscite, alle quali sono molto legata, come per esempio la prima volta quando nasce uno spettacolo, con  una compagnia mia, come“ Nella città d’inferno” (adattamento  teatrale della   Maraini di una sceneggiatura di Suso Cecchi D’Amico del film “Nella città d’Inferno” con la Magnani e la Masina. N.d.r.) con la  regia di Francesco, un grandissimo successo e anche la realizzazione di un sogno, fare qualcosa di  nostro, che avesse poi un seguito, da lì in poi sono stati anni e anni di  nostre compagnie, anche quello lo ricordo con grande emozione. Un  primo passo verso l’indipendenza, fare qualcosa che pensiamo noi e che realizziamo: era un spettacolo con trenta attori in scena, fu un  grandissimo successo che mi permise di fare la mia compagnia per sempre. Da li poi  nacquero  “Anna dei Miracoli”,” La gatta sul tetto che scotta”,” Maria Stuarda”. Reputo dunque “Nella città dell’inferno ”sia stata la  grande partenza per una strada di compagnia nostra, quindi sicuramente ha un grande significato quello spettacolo.

Volevo chiedere riguardo la prima collaborazione con Dacia Maraini?

Nacque per una cosa  alla quale  tengo moltissimo la scrittura della vita di Camille Claudel, spettacolo che  poi debuttò al Festival di Spoleto  e che  a volte riprendo; io avevo voglia di realizzare questa storia meravigliosa e tragica che era la vita di Camille, feci dei tentativi, alla fine dissi no, è Dacia Maraini che deve scriverla, chiesi a Dacia di scrivere e lei straordinaria si buttò su questo lavoro e scrisse un testo meraviglioso. Quindi iniziò con Camille Claudel il nostro connubio artistico. Un grande regalo di Dacia che mi regalò delle grandi occasioni, anche lei è una figura molto importante nella mia vita artistica, ho realizzato cose che non avrei potuti fare senza una penna cosi bella e  cosi importante. C’è una grande armonia, fantastica lei  realizza come sente le cose, è una fortuna.

Teresa la ladra, l’idea è partita da?

Da me, io ho letto il  libro scritto di  Dacia  e dico di questo dobbiamo farne una cosa in teatro lei ha detto: “Hai ragione “; ha  buttato giù un adattamento, abbiamo cominciato a lavorare, abbiamo selezionato delle parti, lo spettacolo doveva durare una certo tempo. Via via, negli anni, non l’ ho fatto subito, rimandavo, via via   è cresciuta dentro di me  l’esigenza  di dire: no  qui Teresa deve cantare, ci deve essere la musica, un personaggio  popolare, un impatto immediato anche  emotivo, e la musica è un linguaggio diverso senza sovrastrutture, senza spiegazioni. Dacia era d’accordo ed io ho pensato a Sergio Cammariere che è un amico e autore che amo moltissimo, ho detto: ”Sergio, potrebbe appassionarti.” La cosa è nata con armonia Dacia ha scritto le parole che poi  ha musicato Sergio, e arrangiato Alessandro Nidi. Un’opera musicale molto forte.

Un aneddoto accaduto?

Posso dire riguardo questo spettacolo. Noi provavamo la memoria, era molto complessa per me, avevamo bisogno di più tempo, come al solito. Posso dire  che mi ha salvato un treno, decisi di andare a fare lo spettacolo non in macchina ma in treno: imparai tutta Teresa.  Sono scesa ad Asti ero tutta preparata  se non ci fosse stato quel treno… Qualcosa di magico, io il giorno prima non ero così, mi sono messa sul treno  ne sono scesa ero un’altra persona ero pronta per debuttare.  Ho incarnato questo personaggio. Mi è molto simpatica Teresa.

L’emozione prima di entrare in scena c’è ancora?

Beh si, si, c’è sempre. Prima di entrare non sono emozionata  nel senso dell’emozione, quasi, quasi, mi distacco, sembro stanca, sembra che non ce la faccio, rallento il respiro, è una protezione, in modo che le energie poi  le butto tutte lì, chi mi vede dice “ non è per niente emozionata”, è stanca, sbadiglia, chi mi vede  pensa “questa vuole andare a letto a dormire”, ma comunque  ho anche sonno, moltissimo sonno (sorride n.d.r.) credo che sia una protezione del corpo che  prende le energie e non si sta stancando per emozionarsi, si sta come svuotando per ricaricarsi, chi mi vede dietro le quinte vede un relax che assorbe energie.

Le è arrivata energia dal pubblico?

Tantissimo, moltissima. Dò energia e ne arriva molta. 

La Mariangela cantante?

C’è una mia vita  ormai da un po’ di anni parallela , faccio concerti, questo spettacolo di “Teresa la ladra” unisce tutte e due le cose insieme. Poi quest’anno mi sono avvicinata ad Astor  Piazzola, in  un progetto con  Albertazzi, poi c’è la musica in cd  con il libro pubblicato da Feltrinelli delle canzoni da me cantate in “Teresa la ladra”. C’è la strada della  musica, è costante, ci saranno progetti che prevedono la musica nei prossimi anni, quindi ci sarà molta musica nelle  mie interpretazioni.

Prossimo spettacolo?

Il prossimo  spettacolo  sarà importantissimo:  “ Filumena Marturano” con la regia di Liliana Cavani , debutto il 1 luglio al Festival di Spoleto; fra un mesetto cominciamo le prove. Poi al Quirino per la prossima  stagione teatrale,  poi a Napoli.

Finisce l’intervista. E ho il sole in fronte. Sarà splendidamente occupata, dalle sue molti doti. La seguiremo.

Come si dice, “merde merde”!

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 66 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.