8 dicembre 2016

Luigi Bisignani: “Il guaio di questo di Paese è che i poteri forti non ci sono più”

Il faccendiere Luigi Bisignani, ritenuto uno degli uomini più potenti d’Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Maria Elena Boschi ha dichiarato che il governo è osteggiato dai poteri forti. “Ho grande stima per la Boschi che finora non ha mai sbagliato un colpo –ha affermato Bisignani-., ma sui poteri forti mi viene da ridere. Non c’è stato mai nessun Presidente del Consiglio che fosse così amico dei poteri forti. Due nomi per tutti: l’amministratore delegato della Fiat Marchionne e l’amministratore delegato di Banca Intesa Carlo Messina. Due delle principali aziende italiane hanno con Renzi e i suoi ministri un rapporto molto stretto. Forse quello della Boschi è un peccato di nervosismo. Due mesi fa avevo scritto che si stava avvicinando una tempesta perfetta, che ora sta arrivando. Berlusconi era caduto sullo spread, Renzi forse cadrà sulla bad bank. E’ un momento difficile che il premier, abituato a cavalcare l’onda dei trionfalismi, non riesce al momento a gestire, ed è un peccato”.

Renzi come Berlusconi richiama in modo critico la puntualità della Magistratura ad agire contro il suo governo. “Questo rappresenta un’anomalia italiana da 20 anni a questa parte –ha affermato Bisignani-. Renzi, così come Berlusconi, doveva metterci più attenzione. Tutti cavalcano l’onda del rapporto tra magistratura e politica quando sono all’opposizione, poi quando vanno al governo non hanno la forza di intervenire”.

“In Italia i poteri forti non esistono più –ha affermato Bisignani-. E’ questo il guaio. Quindi non saranno i poteri forti a difendere Renzi. Persino i conti di Putin e del segretario del partito comunista cinese vengono resi pubblici, ormai è difficile da controllare qualsiasi iniziativa”.

In merito al Giglio magico. “Due anni fa –ha detto Bisignani- nel mio libro con Paolo Madron, avevo azzeccato tutti i nomi che avevano contribuito al successo di Renzi e che ora bazzicano a Roma nei palazzi del potere. Questo è stato un grande limite di Renzi. Se avesse guardato di più al di fuori della Toscana forse ora non sarebbe in questa situazione. La politica è anche consenso e condivisione”.

Fonte: Radio Cusano Campus