9 dicembre 2016

Caso Guidi, Speranza, PD: “Certi fatti minano la credibilità di chi è chiamato a rappresentare le istituzioni”

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse14-05-2014 Roma"50 anni di Nutella", presso la Stampa EsteraNella foto Federica GuidiPhoto Fabio Cimaglia / LaPresse14-05-2014 Rome (Italy)50 year with Nutella, at Stampa EsteraIn the photo Federica Guidi

Roberto Speranza, deputato del Pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito al caso che ha portato alle dimissioni del ministro Federica Guidi. “I fatti che stanno emergendo riguardo l’inchiesta della Procura di Cosenza sono inquietanti –ha affermato Speranza-, rischiano di minare la credibilità di chi è chiamato a rappresentare la cosa pubblica. Massimo rispetto per il lavoro della Magistratura, a cui tocca accertare le responsabilità di tipo penale, io penso che alla politica tocchi però un’analisi vera dello stato delle cose e anche una capacità di rafforzare i propri anticorpi che troppo spesso appaiono sotto soglia. Questi atteggiamenti sbagliati ledono la dignità delle istituzioni e rischiano di aumentare la distanza tra politica e cittadini, producendo danni irreparabili. E’ evidente che rispetto a quanto accaduto, si è dimesso un ministro. C’è stato un atto netto, forte e tempestivo. Serve una discussione vera e non si può mettere la testa sotto la sabbia. C’è bisogno di un’assunzione di responsabilità compiuta, nella quale si provi a capire come la politica rafforzi i propri anticorpi perché non è la prima volta che un membro del governo è costretto a dimettersi. Penso che sia una riflessione della politica in generale, il male e il bene non sono concentrati in una forza politica o nell’altra.  Le mele marce purtroppo sono spesso trasversali alle forze politiche. Noi siamo la più grande forza del Paese e proprio per il ruolo che rivestiamo dobbiamo essere più rigorosi e più esigenti degli altri. Non mi piace guardare in casa di altri e non mi piace neanche il dibattito tra Pd e 5 Stelle in cui uno dice ‘Voi avete fatto schifo a Quarto’ e l’altro risponde ‘Avete fatto più schifo voi con Banca Etruria’. In un Paese normale le grandi forze politiche dovrebbero dialogare in modo diverso”.

Sulla mozione di sfiducia delle opposizioni al governo e l’appello alla minoranza del Pd.  “E’ una provocazione politica che serve a fare un po’ di campagna elettorale a buon mercato. Capisco che l’occasione è ghiotta, ma mi auguro che prima o poi da parte delle opposizioni arrivi un atteggiamento capace di cogliere le questioni di fondo del nostro Paese, cioè come si creano quegli anticorpi a cui facevo riferimento. Io penso che nessuno è esente dalla necessità di costruire una politica in grado di superare i limiti che abbiamo toccato con mano in questi giorni”.

La situazione nel Pd. “Noi –ha spiegato Speranza- siamo il più grande partito del Paese, ma rischiamo di diventare giorno dopo giorno una sommatoria di comitati elettorali sul territorio, con un punto di vista più culturale e politico che appare molto molto sfumato. Il rischio è che il Pd possa diventare quel partito indistinto in cui scompaiono i confini tra destra e sinistra. E qui stiamo alle scelte di merito che sono state fatte. Ce ne sono state alcune che il nostro elettorato non ha compreso. Ad esempio quando togli la tassa sulla casa anche a un miliardario, quando dai bonus sulla scuola anche a chi ha redditi altissimi, è chiaro che finisci per disorientare un mondo che pensa che nel Pd ci sia un punto di vista di centrosinistra. Quando fai la riforma della scuola contro larga parte di studenti e insegnanti, vai chiaramente in tensione con una parte significativa del tuo elettorato. Io credo nel Pd, ma voglio battermi nel Pd perché questo partito cambi rotta e riconquisti la sua funzione di grande soggetto del centrosinistra. Io penso che si può vincere con le nostre idee e la nostra cultura politica. Il centrosinistra in Italia ha vinto, ad esempio nelle ultime elezioni amministrative, in tante grandi città. In quelle città abbiamo vinto parlando di uguaglianza, di diritto allo studio. Per vincere non bisogna per forza inseguire le idee degli altri e non bisogna fare operazioni di ceto politico che sono incomprensibili. Se mi trovo rottamati Veltroni, Prodi e Bersani e poi mi trovo in cabina di regia Verdini per me c’è un problema grande come una casa. E una parte del nostro elettorato si chiede dove lo stiamo portando questo partito”.

Il referendum sulle trivelle. “Penso che sia una posizione sbagliata quella di chi dice di andare al mare il giorno del referendum –ha affermato Speranza-. Il mio appello al Pd è di cambiare linea, perché questa linea di astensione è incomprensibile. In queste ore c’è un confronto aperto, io ho avuto modo di incontrare associazioni ambientaliste, a me sembra che tanti cittadini interpretano dentro questo referendum la possibilità di dare un segnale di traiettoria di sviluppo sostenibile nel nostro Paese. Credo che il Pd debba provare ad essere sensibile a indicazioni di questo tipo. Mi auguro che da qui alla direzione del Pd Renzi cambi rotta perché l’astensione a questo referendum è un errore politico molto grave”.

In merito alla sua interpellanza parlamentare riguardo le università del sud. “E’ un’interpellanza –ha spiegato Speranza- che segnala un dato di fatto, cioè che negli ultimi anni, con le ultime scelte fatte da vari governi, c’è un sostanziale spostamento di risorse, il cui prezzo viene pagato in maniera maggioritaria dal sistema universitario del sud”.

Fonte: Radio Cusano Campus