6 dicembre 2016

Questa non ci voleva! I momenti duri nella vita di un cane

La foto ha commosso  migliaia di umani sul web. Un cagnolino sgomento per la morte del suo padrone. Eh  si perchè per un cane il padrone è il suo lavoro. Svolto con coscienza e impegno full time, estate e inverno. Un lavoro, che quando le cose vanno bene, significa almeno dieci anni di  cibo assicurato, passeggiate  e momenti felici.

Si parla spesso delle attenzioni esagerate che rivolgiamo agli animali. Di tempo, fatica e denaro sprecato solo per avere qualcuno completamente dipendente da noi e a cui dare ordini. Affettuosità che stonano con quello che molte volte siamo capaci di fare agli appartenenti alla nostra stessa specie. Il fatto è che gli animali  s’intrufolano nelle nostre vite, diciamo di sceglierli, ma veniamo anche scelti. Se si era detto: non ho proprio tempo, neanche per me, figuriamoci se lo trovo per andare a comprare i croccantini, capiterà di trovarsi a implorare la  cassiera del supermercato di aspettare a chiudere: sono finite le scatolette. Uno slalom fra gli scaffali  da fare invidia ad un centometrista.!

Il cagnolino della foto: meticcio, pezzato, bruttino e forse neppure tanto giovane è in piedi. Su una di quelle sedie da ospedale scomodissime, con la seduta in plastica e l’intelaiatura in ferro. A fissare il padrone che non si sveglia e non lo sa per quale motivo, ma capisce che qualcosa non va. Ha le zampe che sembrano unite in un gesto di sconforto e un’esprerssione che pare dire: Come è potuto accadere? Non me lo spiego. Se passasse di li un dottore e chiedesse se è un parente si potrebbe rispondere di si senza dire una bugia.

Altri interrogativi si leggono negli occhi della bestiola: ora  chi me lo da un altro lavoro?  Mica mi vorrà in casa quello che mi chiama sempre sacco di pulci. Oddio sono così piccolo, fossi stato un mastino  o meno anziano sarebbe stato più facile, non avrei questa strizza adesso!   Magari se gonfio i muscoli delle zampe  riesco a mettere paura, dicono che il cane aggressivo tira…

Preoccupazioni canine, angosce da quattro zampe amichevole che non si possono non condividere insieme allo sguardo pieno di affetto  concentrato sul padrone.  Forse il cagnetto  timoroso del futuro potrebbe tranquillizzarsi   basterebbe leggergli i risultati di un sondaggio per sperare in un nuovo impiego. In base alle risposte è risultato che in casa si preferisce parlare con il cane  piuttosto che con il partner.

Almeno il cane resta in silenzio perchè non capisce, non per innervosirti!