10 dicembre 2016

Martinelli, regista di “Ustica”: “Italia gigantesca spugna che assorbe tutto”

Renzo Martinelli, regista del film “Ustica” sul disastro aereo avvenuto il 27 giugno 1980, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Buio in sala” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Sono molto pessimista sul fatto che questo film possa spingere la politica a far luce sulla vicenda Ustica –ha affermato Martinelli-. Questo Paese ormai è una gigantesca spugna che assorbe tutto. Non bastano un film e una desecretazione per smuovere qualcosa. Ci sono alcuni fatti che purtroppo rimarranno nei secoli come oscuri e nessun governo riuscirà mai a togliere questo velo di ambiguità e di reticenze che si è accumulato nel corso di questi anni”.

Sul cinema italiano. “Quando decidi di fare un film come “Ustica” –ha spiegato Martinelli-, la Rai non vuole entrare perché non vuole avere problemi, Medusa non entra perché non fa parte della sua linea editoriale, gli imprenditori non vogliono mettere soldi perché non vogliono complicarsi la vita. Per fortuna ho trovato un mio collega belga che si è innamorato del progetto e quindi abbiamo fatto una co-produzione Italia-Belgio e, con l’aiuto di alcune regioni italiane, siamo riusciti a mettere insieme i 3 milioni per realizzare questo film. Oggi abbiamo un certo tipo di spettatori, prodotto di 20 anni di tv commerciale, con risse, insulti, tette e culi esibiti. Ovviamente lo spettatore di oggi preferisce i film comici, le commedie, non è predisposto ad impegnarsi nella visione di un film di impegno civile”.

Fonte: Radio Cusano Campus