6 dicembre 2016

L’Rc auto diventa 2.0: in pensione il tagliando cartaceo, spazio al microchip

20/04/2012 Milano, assicurazione auto

La rivoluzione digitale ha coinvolto anche il settore delle assicurazioni. Grazie alla Rc auto 2.0 il vecchio contrassegno assicurativo cartaceo è stato mandato in pensione, dopo anni di onorato servizio.
La dematerializzazione del contrassegno è entrata in vigore il 18 ottobre del 2013 lasciando spazio al contrassegno elettronico.
Il guidatore non è quindi più obbligato ad esporre il tagliando di vecchia generazione lasciando spazio ad un microchip, sul quale vengono memorizzati i dettagli della polizza Rc auto fra cui i dati dell’assicurato, la data di avvio dell’assicurazione e quella di scadenza, accanto alle caratteristiche del veicolo.

La digitalizzazione non si deve scontrare con i principi sulla privacy, per questo i dati devono essere gestiti con scrupolosità da parte degli addetti ai lavori

La procedura di attivazione è semplice. E’ infatti sufficiente inserire la scheda, contenente i dati, nel terminale collocato sulla vettura e questa sarà in grado di interagire prima di tutto con la centrale operativa della compagnia assicurativa, che ne verificherà in tempo reale il funzionamento, ma non solo.

La veridicità della copertura assicurativa, grazie alle nuove tecnologie, potrà essere controllata attraverso la lettura della scheda da parte di dispositivi quali i tutor, le telecamere delle Ztl ma anche gli autovelox.

Il contrassegno elettronico, conosciuto anche come timbro digitale o codice bidimensionale, è stato realizzato secondo le “Linee guida sul Contrassegno generato elettronicamente”, in perfetta linea con le disposizioni emanate dall’articolo 23 -ter, comma 5, del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Il tagliando virtuale è una delle tante innovazioni messe a segno dal decreto Liberalizzazioni (Decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1 pubblicato in Gazzetta Ufficiale 24 marzo 2012, n. 71).
Obiettivo del dispositivo elettronico è quello di porre un freno alle frodi, truffe e contraffazioni delle polizze, innescando, quale diretta conseguenza, la riduzione dei costi degli incidenti stradali.

Il vecchio tagliando cartaceo, è risaputo, è facile da falsificare come dimostrano le stime che parlano di oltre 3 milioni di automobilisti che circolavano con un tagliando contraffatto, e quindi privi di una vera assicurazione.
Grazie ai nuovi database elettronici gli organi di polizia saranno in grado di scoprire le truffe e stabilire chi si ostina a circolare senza una reale copertura assicurativa.

Parte integrante del decreto sono anche gli incentivi per sistemare a bordo dell’auto la famigerata ‘scatola nera’. La clear box permette di controllare quanto avviene a bordo della vettura durante gli spostamenti. L’assicurato viene posto sotto i riflettori per valutarne la guida, ma il dispositivo si dimostra utilissimo in caso di incidenti, permettendo di ricostruire per filo e per segno le dinamiche dell’evento.

Fra le nuove norme spiccano anche provvedimenti volti a ridurre la piaga dei risarcimenti gonfiati, causa principale dei costi elevati delle polizze. Il governo ha infatti posto in essere pene più rigide per operatori della sanità e periti assicurativi che a fronte di un compenso rilasciano certificazioni false su danni a persone e cose.

Chi è proposto alla vendita di polizze auto, secondo il decreto Liberalizzazioni, deve proporre al cliente almeno 3 preventivi distinti, realizzati da tre compagnie assicurative diverse.

La norma è stata pensata quale toccasana per pungolare la concorrenza e permettere di optare per le tariffe più convenienti.

Un ottimo supporto per scovare le polizze migliori ai prezzi più interessanti è rappresentato dai comparatori on line, utili per confrontare in maniera veloce un certo numero di polizze, filtrate in base alle proprie necessità. Le operazioni si possono effettuare in rete, comodamente seduti davanti
al proprio computer, in pochi clic.

Fra i comparatori di ultima generazione può essere interessante valutare le proposte di MIOAssicuratore, che offre piú di 200 prodotti adatti alle esigenze dei singoli, mettendo tutte le proposte in un unico spazio web, facilmente consultabile.