7 dicembre 2016

Giovanardi: “In parlamento c’è la lobby delle vittime di omicidio stradale”

 

Carlo Giovanardi, senatore di IDEA, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Giovanardi ha parlato di lobby e di Governo: “Quando si inseriscono nel codice penale reati evanescente, tutti da inventare, è evidente, lo dice anche la cassazione, che si confondono le scelte della politica con qualche pubblico ministero che poteva ipotizzare reati anche nelle cose lecite. Ora Renzi si lamenta, la vicenda della Guidi la capisco benissimo, ma non ho ancora capito cosa abbia fatto il Capo di Stato Maggiore della Marina, trascinato in questa vicenda. Si può in un paese civile martoriare così il Capo di Stato Maggiore della Marina senza chiarire di che cosa è accusato? Renzi dice che non sa cosa sono le lobby? Una lobby più grossa della sua non si è mai vista in Italia. Una lobby toscana di amici, parenti, conoscenti, gente che ha un contatto diretto con lui. Forse lui ha combattuto le lobby per avvantaggiarne una, solo la sua. Per esempio, scoprire sui giornali, che una lobby come quella delle vittime degli incidenti stradali, fa pressione sul parlamento per avere delle leggi orientate in una certa maniera, per esempio io considero l’omicidio stradale una legge perversa, sbagliata, bruttissima, che metterà in galera per anni e anni gente che magari ha avuto la fatalità di un incidente. Questa legge è frutto di una lobby potentissima. Se ci sono reati è un conto, se c’è traffico di influenze illecite, io vorrei sapere con chi il parlamentare dovrebbe o non dovrebbe parlare, quando ci sono in discussione provvedimenti“.

Giovanardi, poi, ha contestato la scelta di Ilaria Cucchi di candidarsi a Sindaco di Roma: “Spero che nel centrodestra prevalga la ragionevolezza e che si possa trovare un’unione. La mossa di Ilaria Cucchi? Si sono accaniti contro i tre agenti di custodia che sono stati assolti con formula piena in via definitiva. Poi la famiglia aveva ritirato la parte civile nei confronti dei medici e i medici invece sono ancora sotto inchiesta, poi sono spuntati i carabinieri. In tutte le perizie sono state escluse relazioni tra le eventuali percosse e la morte del Cucchi. E mi chiedo: perché nessuno ha mai indagato sulle diciotto volte nelle quali il povero Stefano Cucchi era stato massacrato di botte ed era finito al pronto soccorso con fratture e ferite provocate da quel mondo limaccioso di cui faceva parte? L’ultima volta quindici giorni prima dell’arresto lo hanno trovato davanti al San Camillo di Roma, massacrato di botte. Poi mi chiedo cosa c’entri questo col fatto che la Cucchi ripetutamente si candida. E quando leggo che il caso Cucchi viene paragonato al caso Regeni mi indigno e mi vergogno. Il povero Regini, preso non si da chi, torturato e ucciso barbaramente. Vogliamo dire che i poliziotti e i carabinieri italiani si sono comportati nella stessa maniera? Questo è un teatro dell’assurdo. Cucchi era uno spacciatore, tra le altre cose neanche piccolo”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=7619

Fonte: Radio Cusano Campus