9 dicembre 2016

Roma – Gasparri: “30mila euro per chi si candida a Roma, chi non arriva al 3% li perde”

Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Gasparri ha commentato il caso Guidi: “Penso che Renzi avrà ancora qualche carta da giocare per resistere, si affiderà a qualche senatore transfugo, ma questa sopravvivenza parlamentare sarebbe un vivere nel logoramento. La stella di Renzi non brilla più come prima, tra conflitti d’interesse, clandestini, il mancato rimborso ai truffati dalle banche, la disoccupazione che comincia a ricrescere, perché il jobs act è una truffa. C’è, insomma, un complesso di fatti, cui si aggiunge la sua inadeguatezza sul piano internazionale, che lo sta oscurando,  quando gira per il mondo sembra uno che poi va in cucina a lavare i patti, non uno che si confronta da pari a pari con altri statisti. Quando va in questi posti è una via di mezzo tra un turista meravigliato e uno che deve andare a sbrigare affari di cucina, perché di altre cose non è in grado di occuparsi. Ma dove sono tutti quelli che contestavano Berlusconi? Ci fosse stato lui, ora, sarebbero esplosi i girotondi, Benigni avrebbe fatto un proclama, il popolo viola sarebbe sceso in spiazza. Forse Moretti è invecchiato e ha l’artrosi, forse la Guzzanti è travolta dall’insuccesso dei suoi penosi film, che vado a vedere solo io per constatare quanto siano brutti. La trattativa non è piaciuta a nessuno, la fanno vedere forzosamente a studenti che appena spengono le luci nella sala scappano e se ne vanno”.

Gasparri commenta così la candidatura a sindaco di Roma da parte di Ilaria Cucchi: “Ho presentato una proposta di legge depositata al Senato. Dice che chiunque si candida a sindaco deve versare alla tesoreria comunale una cifra. 15.000 euro per i comuni con meno di 15.000 abitanti, 30.000 euro per i comuni con più di 15.000 abitanti. Se poi quando si candida prende almeno il 3% la cifra gli viene restituita, se questo candidato prende meno del 3% la cifra viene destinata dalla tesoreria comunale ai poveri della città. Questa proposta serve a scoraggiare quelli che si presentano solo per farsi citare. Ce ne sono di tutte le famiglie politiche, a destra a sinistra e al centro. Credo che sia giusto proporre la caparra, così tutti questi che sfruttano le elezioni comunale per il proprio esibizionismo si scoraggiano”.

Fonte: Radio Cusano Campus