18 gennaio 2017

A Termas de Río Hondo Dovizioso e Iannone cadono a pochi metri dal traguardo mentre erano in seconda e terza posizione

Podio sfumato a pochi metri dal traguardo per i due piloti del Ducati Team nel GP di Argentina, che si è disputato oggi sul circuito di Termas de Río Hondo. Dovizioso e Iannone erano infatti in seconda e terza posizione nel corso dell’ultimo giro, ma un attacco del pilota di Vasto al compagno di squadra a due curve dal traguardo ha provocato la caduta di entrambi. Dovizioso è riuscito comunque a passare sotto la bandiera a scacchi spingendo la sua moto e si è classificato in tredicesima posizione.
La gara si è disputata in condizioni di asciutto, con un format particolare flag-to-flag che ha previsto la sostituzione obbligatoria delle moto tra il nono e l’undicesimo giro.
Dovizioso, scattato molto bene al via, è transitato sul traguardo al comando per i primi due giri, ed è poi rimasto nelle posizioni di testa fino al cambio moto, che ha effettuato nel corso del decimo passaggio. Rientrato in pista, il pilota romagnolo ha ingaggiato una bella battaglia con Rossi, Viñales e Iannone ed è riuscito a salire in seconda posizione nel corso del diciannovesimo e penultimo giro, fino alla caduta che lo ha privato di un meritato secondo posto.
Iannone, dopo una partenza non particolarmente brillante, è riuscito a risalire in quarta posizione e a lottare nel gruppo formato da Dovizioso e Viñales. Rientrato in pit lane per il cambio moto al nono giro ha poi proseguito la sua rimonta fino a salire in terza posizione al diciottesimo passaggio. Nel corso dell’ultimo giro il pilota di Vasto ha tentato di superare il compagno di squadra a due curve dal traguardo, scivolando e provocando involontariamente anche la caduta di Dovizioso.
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 13°
“Sono molto deluso perché avevamo fatto una bellissima gara nonostante un weekend complicato per tutti. Nelle qualifiche eravamo andati bene, in gara ero davanti e secondo me la nostra strategia era buona. Anche il cambio moto l’ho fatto nel momento giusto, restando fuori un giro in più e recuperando qualche secondo. Negli ultimi giri ero un po’ in crisi, ma siamo riusciti a riprendere Valentino, e ho provato a chiudere tutte le porte nel corso dell’ultimo giro. Alla penultima curva però purtroppo è successo quello che tutti hanno visto ed ho perso un secondo posto sicuro. Guardiamo però il lato positivo: eravamo veloci anche qui in Argentina e, se fossi riuscito a terminare la mia gara, adesso saremmo secondi in campionato a un punto di Marquez.”
Andrea Iannone (Ducati Team #29) – ritirato
“Anche se non ero riuscito a partire bene stavo facendo una bella gara: potevo essere sicuramente più veloce all’inizio, ma quando ho cambiato moto sono ripartito con un ritmo migliore rispetto ai piloti davanti a me, e sono riuscito a superare Rossi due o tre volte, fino a quando Andrea ci ha passato di nuovo nel corso dell’ultimo giro. Quando sono arrivato alla penultima curva ho perso l’anteriore ed ho coinvolto Dovizioso nella mia caduta. Purtroppo è andata così e mi dispiace molto per il mio team, per Andrea e per tutta la Ducati perché sicuramente un podio con entrambi i piloti del Ducati Team sarebbe stato un risultato eccezionale.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6364 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.