8 dicembre 2016

Roma – Ciocchetti, CoR: “La lotta di successione di Salvini ha compromesso l’unità della coalizione”

MATTEO SALVINI

Luciano Ciocchetti, coordinatore di Conservatori e Riformisti nel Lazio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

“E’ finito il ventennio di Berlusconi –ha affermato Ciocchetti-. Era quello che federava il centrodestra, che lo teneva insieme e che prendeva i voti dei moderati italiani. Nelle ultime elezioni i 13 milioni di elettori di Berlusconi si sono ridotti a 3 milioni e i sondaggi evidenziano che calano ancora. E’ chiaro che siamo in una fase di disgregazione non avendo Berlusconi creato le condizioni per una sua successione reale e riconosciuta anche attraverso un metodo democratico. Un altro Berlusconi non c’è, quindi occorre passare da una monarchia illuminata ad una democrazia partecipata. Il problema di Roma si spiega con la lotta di successione che Salvini ha lanciato contro Berlusconi, facendo saltare tutte le ipotesi romane per tentare di costruire un centrodestra unito, compresa la lista di Marchini. Il centrodestra dovrà formarsi mettendo insieme tutti gli alternativi al Pd, se si facesse questo a Roma si vincerebbero le elezioni. Io ci spero ancora. Lo stesso Marchini ha tentato di rilanciare un’ipotesi di semplificazione del quadro. Noi romani non possiamo permetterci di consegnare questa città all’irresponsabilità del Movimento 5 Stelle. Mancano ormai 20 giorni alla consegna delle liste, è molto tardi, ma spero ancora che per una volta non prevalgano le logiche nazionale, ma quelle romane. La cosa migliore sarebbe che i 4 candidati di centrodestra in pista si incontrassero tra di loro trovando una soluzione. Noi pensiamo che il centrodestra debba unirsi, se così non sarà, saranno gli elettori a decidere. Siamo vicini alle macerie del centrodestra, Berlusconi potrebbe giocare un ruolo se capisse che non può più svolgere il ruolo di primo attore. Esistono altri ruoli come il regista e lo sceneggiatore. Roma ha bisogno di profondi cambiamenti, di una classe dirigente che non sia quella che l’ha governata dal 1993 ad oggi, dove centrosinistra e centrodestra vecchio stampo hanno portato la città in questo stato. C’è bisogno di ripartire da una scelta civica. Se la Meloni avesse davvero scelto di fare il sindaco di Roma, anziché candidarsi solo per fare un dispetto a Berlusconi, noi avremmo appoggiato lei”.

Fonte: Radio Cusano Campus