7 dicembre 2016

Roma – Furto, rapina e spaccio, 14 arresti nelle ultime ore

“Aiuto! Quell’uomo ha rapinato una signora”! Così, un uomo che stava inseguendo un ragazzo ha attirato l’attenzione di una pattuglia della Polizia di Stato che stava effettuando il controllo del territorio in zona Viminale. Gli agenti del Reparto Volanti hanno immediatamente fermato ed arrestato il giovane, minorenne romeno, che poco prima aveva colpito una turista inglese di 64 anni facendola cadere a terra e strappandole la collanina d’oro che indossava.

Verso le 3 di venerdì mattina, mentre stavano effettuando un posto di controllo in Via Cassia, i poliziotti del commissariato Flaminio e del Reparto Volanti hanno visto una donna attraversare pericolosamente la strada e, preoccupati per la sua incolumità, le si sono avvicinati per prestarle soccorso. La giovane, in evidente stato di alterazione psicomotoria, si è però scagliata contro gli uomini in divisa ingiuriandoli, minacciandoli e colpendoli con calci e pugni tanto da ferirne uno giudicato guaribile in 5 giorni dal pronto soccorso. Accompagnata presso gli uffici del commissariato Primavalle, la 28enne è stata arrestata per resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

Ad insospettire la pattuglia del commissariato Porta Pia, nel tardo pomeriggio di qualche giorno fa, è stato un eritreo che, uscito da un ristorante di Corso Italia, se ne allontanava con passo veloce. Fermato per essere sottoposto ad un controllo, l’uomo ha cercato di fuggire tirando calci e pugni ma è stato bloccato grazie all’ausilio degli agenti del Reparto Volanti giunti tempestivamente sul posto. Il 39enne è stato trovato in possesso di un portafogli contenente 1155 euro, documenti e carte di credito intestate ad una donna risultata essere, in seguito ad accertamenti, la proprietaria del ristorante dal quale M. H. era uscito poco prima.

L’eritreo, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Sempre per furto aggravato è stato arrestato nella notte un pregiudicato romano 44enne, sorpreso dai poliziotti del Reparto Volanti mentre cercava di fuggire da uno studio odontoiatrico, nel quale si era introdotto forzando la porta con martello e cacciavite, e dal quale aveva rubato un computer portatile ed altri oggetti.

Nell’ambito dei servizi volti a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati poi arrestati, in diverse zone della capitale, tre pusher.

  1. P., 31enne romano con precedenti specifici, è stato pizzicato dagli uomini del Reparto Volanti mentre spacciava in un giardino condominiale in zona Fidene: addosso aveva circa 40 grammi di cocaina, suddivisa in 74 dosi, e 365 euro.

Sono scattate le manette anche per un giovane senegalese che vendeva eroina nei pressi di villa Paganini: alla vista della pattuglia del commissariato Porta Pia K. N. Z., che nella tasca dei pantaloni aveva un involucro contenente 7 grammi di eroina e 180 euro, ha ingoiato altri involucri rivestiti in cellophane. Una radiografia ha confermato l’ingestione di numerosi ovuli da parte del 22enne nella cui abitazione sono stati rinvenuti circa 205 grammi di eroina e 2430 euro.

Un altro senegalese, noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato in zona Porta Maggiore dagli agenti del commissariato Esquilino mentre spacciava nei pressi della fermata del tram: S. S. T. era in possesso di 33 grammi di marijuana, di 12 grammi di hashish e di 265 euro.

Gli agenti del commissariato Viminale invece, hanno condotto nel carcere di Rebibbia C. T. C., cittadino romeno di 37 anni che, in esecuzione di un ordine di carcerazione, doveva espiare la reclusione per 2 mesi e 18 giorni.

E’ un ucraino l’uomo che stanotte, in via Federico Delpino, ha iniziato a minacciare gli operatori, intervenuti per una segnalazione di lite, colpendoli con calci e pugni. P.V., 45enne, è stato arrestato per resistenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale.

Ha tentato un furto invece un altro cittadino ucraino, R.V. di 34 anni. L’uomo, con vari precedenti di Polizia, dopo essere entrato all’interno di un noto supermercato di via Tiburtina, si è impossessato di alcuni generi alimentari e poi ha tentato di darsi alla fuga.

Bloccato dagli agenti del reparto volanti, è stato arrestato per tentato furto aggravato.

Sono due invece le persone arrestate per rapina.

Il primo Y.T.A., eritreo, dopo essersi impossessato di attrezzature elettroniche all’interno di un noto centro commerciale di via Collatina a Torpignattara, per guadagnarsi la fuga ha colpito alcuni dipendenti addetti alla vigilanza ma è stato poi fermato e arrestato dai poliziotti del commissariato San Basilio e Sant’Ippolito.

Il secondo invece, B.A. 43enne italiano, è stato arrestato per rapina, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

L’uomo, armato di cesoia ha minacciato e ferito lievemente al volto un giovane costringendolo a farsi consegnare una fotocamera che aveva con sé.

Inseguito e poi fermato dai poliziotti del reparto volanti, l’uomo è stato trovato in possesso anche di alcuni grammi di hashish.

Gli ultimi a cadere nella rete della Polizia sono due tunisini. H.K. di 41 anni e M.A. di 33 anni.

Il primo è stato sorpreso dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato San Lorenzo, in via Giolitti a spacciare stupefacenti mentre l’altro, l’”acquirente”, ha aggredito gli operanti che lo stavano controllando.

Arrestati entrambi dovranno rispondere rispettivamente di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

About Emanuele Bompadre 8252 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.