10 dicembre 2016

MotoGP – Seconda fila per i piloti del Ducati Team in Argentina

I due piloti del Ducati Team partiranno dalla seconda fila nel GP della Repubblica Argentina, in programma domani alle 16.00 (le 21.00 in Italia) sul circuito di Termas de Río Hondo.

Nel corso delle Q2 del pomeriggio Andrea Dovizioso ha infatti ottenuto il quinto miglior tempo nella sua seconda uscita, mentre il compagno di squadra Andrea Iannone ha fatto segnare il sesto crono.

Durante la sessione di FP3 del mattino tutti i

I due piloti del Ducati Team partiranno dalla seconda fila nel GP della Repubblica Argentina, in programma domani alle 16.00 (le 21.00 in Italia) sul circuito di Termas de Río Hondo.
Nel corso delle Q2 del pomeriggio Andrea Dovizioso ha infatti ottenuto il quinto miglior tempo nella sua seconda uscita, mentre il compagno di squadra Andrea Iannone ha fatto segnare il sesto crono.
Durante la sessione di FP3 del mattino tutti i piloti della MotoGP erano riusciti a migliorare i loro tempi e Iannone (terzo) e Dovizioso (nono) si erano così assicurati il passaggio diretto in Q2.
Prima dei due turni di qualifica, nel pomeriggio si era svolta l’ultima sessione di prove libere, non valida per la classifica. Nelle FP4, interrotte verso la fine da una bandiera rossa causata dalla caduta di Redding, Iannone aveva ottenuto il secondo tempo e Dovizioso il sesto miglior crono.
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 1’40”198 (5°)
“E’ stata una giornata importante e produttiva: abbiamo trovato una pista in condizioni migliori di ieri e il feeling con la mia moto è molto buono. Siamo riusciti a migliorare soprattutto l’anteriore e quindi adesso posso spingere di più. Non sarà facile stare con i primi in gara, soprattutto con Marquez e Rossi, ma visto che tutte le sensazioni sono buone dovremo assolutamente provarci. Bisognerà anche vedere le condizioni che troveremo domani, perché ogni giorno qui in Argentina la pista cambia, e quindi cercheremo di valutare bene la situazione durante il warm-up.”
Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 1’40”272 (6°)
“Devo dire che oggi pomeriggio ho fatto un po’ di fatica: sicuramente potevamo ottenere un risultato migliore ma sfortunatamente non sono riuscito a fare un giro perfetto. Pazienza, domani sarà importante fare un’ottima partenza e quindi sicuramente ci concentreremo su quello. Dobbiamo essere pronti a tutto, perché sarà una gara dove non è così chiaro quali siano i valori in campo. Noi non siamo molto lontani e, se riusciremo a migliorare ancora qualcosa, la gara potrebbe diventare davvero interessante.”

piloti della MotoGP erano riusciti a migliorare i loro tempi e Iannone (terzo) e Dovizioso (nono) si erano così assicurati il passaggio diretto in Q2.

Prima dei due turni di qualifica, nel pomeriggio si era svolta l’ultima sessione di prove libere, non valida per la classifica. Nelle FP4, interrotte verso la fine da una bandiera rossa causata dalla caduta di Redding, Iannone aveva ottenuto il secondo tempo e Dovizioso il sesto miglior crono.

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 1’40”198 (5°)
“E’ stata una giornata importante e produttiva: abbiamo trovato una pista in condizioni migliori di ieri e il feeling con la mia moto è molto buono. Siamo riusciti a migliorare soprattutto l’anteriore e quindi adesso posso spingere di più. Non sarà facile stare con i primi in gara, soprattutto con Marquez e Rossi, ma visto che tutte le sensazioni sono buone dovremo assolutamente provarci. Bisognerà anche vedere le condizioni che troveremo domani, perché ogni giorno qui in Argentina la pista cambia, e quindi cercheremo di valutare bene la situazione durante il warm-up.”

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 1’40”272 (6°)
“Devo dire che oggi pomeriggio ho fatto un po’ di fatica: sicuramente potevamo ottenere un risultato migliore ma sfortunatamente non sono riuscito a fare un giro perfetto. Pazienza, domani sarà importante fare un’ottima partenza e quindi sicuramente ci concentreremo su quello. Dobbiamo essere pronti a tutto, perché sarà una gara dove non è così chiaro quali siano i valori in campo. Noi non siamo molto lontani e, se riusciremo a migliorare ancora qualcosa, la gara potrebbe diventare davvero interessante.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5991 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.