7 dicembre 2016

Rapina al Casilino, anziano rapinato da una banda dell’est. Non siamo più sicuri neanche in casa?

Ennesimo caso di rapina nella Capitale quello successo oggi nel quartiere Casilino, nella periferia est della città; esattamente a via del Pennadomo. Una banda ha sorpreso un anziano mentre era nel giardino della sua casa e con violenze e minacce di morte è stato costretto dai malviventi ad entrare.

Successivamente le violenze sull’uomo non hanno avuto fine e mentre due persone lo tenevano fermo, gli altri componenti del gruppo sono saliti al piano superiore dell’abitazione e iniziato la razzia. Fortunatamente la moglie ha iniziato a gridare cercando aiuto e ciò ha messo in allerta i malviventi convincendoli a desistere dal portare a termine la rapina. Da qui è iniziata la loro fuga a piedi, ciò ha permesso alla vittima di raggiungere uno dei quattro, prima che riuscisse a scavalcare il muro di recinzione ed è iniziata una colluttazione tra i due che ha portato il malvivente a tirare fuori un coltello e colpire l’anziano su una mano, avendo la meglio e guadagnando la fuga.

A questo punto sono, finalmente, intervenuti gli agenti della Polizia di Stato, che dopo aver soccorso l’uomo hanno ascoltato il suo racconto e diramato la ricerca dei quattro malviventi via radio, da un primo esame i tipi in questione sono risultati essere tutti stranieri, probabilmente di nazionalità romena. Continuando nelle ricerche, gli agenti hanno setacciato la zona, senza tralasciare le strutture ricettive, proprio quest’ultima intuizione ha permesso di incastrare uno dei componenti della banda. L’uomo è stato infatti sorpreso a dormire in uno dei tanti b&b della zona ed è stato indentificato come un romeno di 37 anni, senza una fissa dimora. Lo straniero è stato portato presso gli uffici del commissariato Casilino Nuovo e al termine degli accertamenti, sottoposto a fermo giudiziario per il reato di rapina aggravata in corso.

Questa la vicenda, che si conclude in modo “positivo” sia per la vittima che per il risultato delle indagini ma è l’ennesima conferma che ormai nessuno è completamente al sicuro nemmeno dentro casa propria, cosa ormai quasi data per scontata visto il mondo che ci circonda ma che in realtà, riflettendoci, di scontato non ha assolutamente nulla. Ogni giorno viviamo nella quasi costante paura di aggressioni o peggio, visti i recenti avvenimenti, di attentati. La domanda è una: dove andremo a finire?