8 dicembre 2016

Di Maio: “Matteo Renzi sta facendo dichiarazioni sconclusionate sul caso Guidi. Evidentemente risente ancora del jet lag statunitense”

Il Vice Presidente della Camera Luigi Di Maio in Aula durante la seduta comune del Parlamento, Roma, 10 Luglio 2014. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Matteo Renzi sta facendo dichiarazioni sconclusionate sul caso Guidi. Evidentemente risente ancora del jet lag statunitense. Per questo vorrei rispondergli:

1) Nonostante l’inchiesta, Renzi vuole continuare a mandare avanti le trivellazioni a Tempa Rossa. Questo dimostra la sua totale malafede: un Presidente del Consiglio onesto ABROGHEREBBE subito per decreto l’emendamento della vergogna, che favoriva il compagno del Ministro.

Il fatto che non sia disposto a farlo dimostra che è immischiato politicamente anche lui. Quindi abbiamo ragione a chiederne le dimissioni. Le dimissioni della Guidi non servono a nulla, se non si cancella dalle leggi dello Stato l’emendamento che favorisce il suo compagno.

2) La Guidi si è dimessa di sua iniziativa, e gliene diamo atto. Ma è inutile che Renzi se ne vanti. La questione morale non è una sensibilità del suo Governo, altrimenti perché esisterebbe una questione di opportunità politica per la Guidi e non per la BOSCHI o per DE LUCA o per i sottosegretari indagati di Alfano? Renzi non ha mai chiesto alla Guidi di dimettersi.

3) Maria Elena Boschi ha firmato l’emendamento incriminato. In molti casi è un atto dovuto, ma in questo caso la Boschi aveva dato un assenso politico. Lo dichiara il Ministro Guidi nella famigerata intercettazione telefonica: “È d’accordo anche Maria Elena”.

Renzi e Boschi, quindi, ci sono dentro fino al collo. E sono al soldo dei soliti potentati economici che stanno strangolando l’economia e avvelenando l’ambiente.

Questo Governo per noi è arrivato al capolinea. Non è libero, lo abbiamo detto dal primo giorno. Il Parlamento stacchi la spina, votando la nostra mozione di sfiducia al Senato. Liberiamoci.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.